Home Tags XIAOMI

Tag: XIAOMI

xiaomi logo

Quando si parla di telefonia asiatica uno dei nomi principali è Xiaomi. Un brand che oggi non è più soltanto una nicchia, bensì una realtà consolidata e presente ufficialmente anche in Europa. Rispetto ad altri competitors, uno dei maggiori vantaggi è il proporre vari modelli in tutte le fasce di prezzo. Senza considerare il solitamente ottimo rapporto qualità/prezzo offerto. Ma Xiaomi non è soltanto smartphone ma anche accessori. Tanti, tantissimi prodotti sono presenti sul mercato asiatico e non, grazie alle numerosissime collaborazioni con aziende e start-up.

Fondata il 6 aprile 2010 da un’idea di Lei Jun, ha il suo quartier generale nel Distretto di Haidian di Pechino, in Cina. Il nome significa letteralmente “millet“, ovvero “miglio” o anche “piccolo riso. In questa vecchia intervista il CEO specificò che ci sono più interpretazioni. Quella da lui data vede lo “Xiao” accostato al concetto secondo cui “un singolo chicco di riso di un buddista è grande come una montagna“. Mentre “Mi” è associabile all’acronimo di “Mobile Internet” ma anche “Mission Impossible“.

Il primo smartphone, il Mi 1S, fu rilasciato nell’agosto 2011 e ad esso sono seguite decine di modelli differenti. Da allora le sorti della “Apple cinese” sono risultate piuttosto positive, con centinaia di milioni di prodotti venduti in tutto il mondo.

xiaomi logo


Mitu, la mascotte dell’azienda

Non si può parlare di Xiaomi senza citare Mitu. Ebbene sì, la mascotte dell’azienda è un coniglio umanoide solitamente rappresentato con indosso un colbacco con tanto di stella rossa. Infatti, inizialmente Xiaomi si sarebbe dovuta chiamare “Red Star Technology“, nome poi sostituito a causa di problemi di copyright. Questo per via dell’esistenza di “Red Star Erguotou“, una nota bevanda alcolica cinese.

Inoltre, questo simbolo è più volte stato soggetto di controversie politiche, visti gli eventuali legami alle correnti di pensiero sovietiche. Al di là di tutto ciò, di Mitu abbiamo visto numerosissime rappresentazioni, anche sotto forme di pupazzo e speaker Bluetooth. E non manca un piccolo anime, disponibile su YouTube.

xiaomi mitu


Guida agli smartphone

Serie Redmi

Come anticipato, l’offerta di Xiaomi è piuttosto variegata. I modelli che appartengono alla fascia medio/bassa fanno parte della serie Redmi. E dopo anni, la società ha deciso di distaccarsi ufficialmente e diventare un vero e proprio sub-brand, come fra Huawei/Honor, OPPO/Realme e Vivo/iQOO.

Gli smartphone Redmi sono caratterizzati da una scheda tecnica funzionale, senza troppi fronzoli ma che va dritta al sodo, puntando su performance e batteria. Qua di seguito trovate i vari dispositivi, aggiornati ad ogni nuova uscita.

recensione xiaomi redmi note 5

Serie Mi

Spostandoci sulla fascia media ed alta troviamo la serie Mi. Questa include i vari flagship dell’azienda, oltre a ulteriori modelli con caratteristiche particolari, come Mi Note, Mi Max e Mi MIX. Trattandosi di top di gamma (o quasi), le specifiche tecniche includono chipset high-end targati Snapdragon, grossi quantitativi di memoria e fotocamera più performanti.

recensione xiaomi mi 8

Sub-brand di Xiaomi

Il 2018 ha visto la nascita di 3 sub-brand da parte dell’azienda. Così come avviene con gli accessori, Xiaomi prende sotto la propria ala realtà più piccole ma valide, patrocinandone il lavoro in cambio, ovviamente, di ricavi e quant’altro. Oltre al già citato Redmi, stiamo parlando di Black SharkPOCO by Xiaomi, due realtà dai target differenti. Se la prima è indirizzata al settore del gaming, la seconda punta a proporre il proprio flagship killer.

xiaomi pocophone f1


Guida ai tablet

Seppure ad oggi quello dei tablet sia un segmento del mercato piuttosto stagnante, non mancano le proposte targate Xiaomi. Questa gamma è soprannominata Mi Pad, monicker che ha dato non pochi problemi alla società per quanto riguarda la commercializzazione fuori dai propri confini.


Guida ai notebook

E se il settore dei tablet è ad oggi quasi morente, così non è per quello dei notebook. Un settore piuttosto complesso ma nel quale Xiaomi ha dimostrato di poter dire la propria, soprattutto grazie a prezzi piuttosto aggressivi (almeno in Cina). I nomi delle serie Air e Pro, oltre al design ispirato, non possono che richiamare l’estetica di casa Apple.

Xiaomi mi notebook 13.3 recensione

Valori SAR

Un argomento piuttosto delicato in ambito smartphone riguarda i valori SAR. L’acronimo “SAR” indica la dicitura “Specific Absorption Rate“, cioè il tasso di assorbimento specifico. Si tratta del valore indicante la quantità di energia che il corpo umano assorbe se esposto ad un campo elettromagnetico RF, come quello generato dagli smartphone. Se foste interessati a sapere i valori SAR del vostro smartphone Xiaomi, potete consultare il nostro articolo apposito.

Lista smartphone Xiaomi con valori SAR

xiaomi valori sar

Guida alla MIUI

Uno degli aspetti maggiormente apprezzati sugli smartphone Xiaomi è la MIUI. Si tratta dell’interfaccia software proprietaria, piuttosto distante dall’esperienza stock di Google ma non per questo penalizzante. Infatti, questa offre numerose funzionalità ed app aggiuntive, oltre ad una profonda integrazione con accessori e dispositivi domotici. Tuttavia, essendo un firmware principalmente pensato per il territorio cinese, ci sono alcune importanti differenze da conoscere.

Come riconoscere e rimuovere una MIUI “farlocca”

  • China: la ROM principale, pensata per l’utenza cinese e conseguentemente priva di servizi Google, a causa delle restrizioni del governo. Inoltre, le lingue disponibili sono principalmente cinese ed inglese, sono presenti molte app inutilizzabili in Italia e le notifiche sono gestite in maniera più limitata.
    • Stable: la versione che troviamo negli smartphone venduti ufficialmente. Trattandosi del firmware principale, i bug sono solitamente assenti ed è garantita una maggiore stabilità. Al posto del Play Store troviamo il Mi App Store.
    • Developer Weekly: la versione beta, ovvero meno stabile e con più bug, ma al contempo è aggiornata con cadenza settimanale ogni giovedì ed include novità ed aggiunte che successivamente arrivano sulla Stable.
    • Developer Nightly: la versione beta “sperimentale”, aggiornata sì quotidianamente ma ancora meno stabile e consigliata soltanto a addetti ai lavori o smanettoni.
  • Global: visto che Xiaomi vende milioni di smartphone in tutto il globo, è stata sviluppata una ROM ufficiale adatta ai paesi internazionali. Ecco, quindi, che ritroviamo i servizi Google e relativo Play Store, oltre a numerosi linguaggi fra cui l’italiano. Come prevedibile, il rilascio di questi firmware per i nuovi smartphone avviene settimane dopo il loro lancio.
    • Stable: come per la China, questa è la versione principale, fondamentalmente priva di bug e con una stabilità tale da garantirne un corretto funzionamento nel quotidiano.
    • Beta: la versione che precede di qualche settimane il rilascio della Stable, con aggiornamenti ogni giovedì, nuove funzionalità ma una stabilità minore.

LINK UFFICIALE DOWNLOAD MIUI

miui-9-logo


Modding e ROM non ufficiali

Qua si apre una parentesi che turbò non poco la community. Ad inizio 2016, infatti, Xiaomi decise di ridimensionare il fenomeno modding, dopo anni di “anarchia” a riguardo. Il team software si ritrovò costretto a bloccare il bootloader dei propri smartphone, dapprima con Redmi Note 3 e poi applicando le nuove regole a tutti i modelli.

Ciò significa che per installare ROM non ufficiali è adesso necessario effettuare lo sblocco. Nello specifico, il bootloader è un programma che, ad ogni avvio del dispositivo, controlla che il sistema operativo sia quello previsto e, nel caso la risposta sia “no”, ne bloccherà l’accensione.

Fortunatamente Xiaomi ha deciso di non porre un veto totale ma consentire comunque la richiesta per sbloccare il bootloader. Non si tratta di un’operazione rapidissima ma è comunque possibile.

Sblocco bootloader Xiaomi: la nostra guida

Grazie a questa possibilità, online sono presenti numerose opzioni per quanto riguarda le ROM non ufficiali: ecco quelle principali.

  • Xiaomi.eu: versione europea ufficiosa della MIUI China con aggiornamenti settimanali, aggiunta dei servizi Google, rimozione delle app superflue, ottimizzazioni grafiche e non e l’aggiunta delle lingue europee assenti, fra cui l’italiano.
  • MIUI.it: versione non ufficiale italiana, si tratta di una traduzione della MIUI China e presenta praticamente le stesse modifiche della Xiaomi.eu.

xiaomi eu


Xiaomi e banda 20: cos’è e cosa implica

Un argomento sempre spinoso in ambito Xiaomi è quello relativo alla banda 20. Con questo termine ci si riferisce alla banda ad 800 MHz utilizzata dagli operatori telefonici per la connettività LTE 4G. Essendo questa banda inutilizzata in Cina, la quasi totalità dei cinafonini non la integra, anche se il chipset utilizzato lo consentirebbe.

Questo perché lo sblocco della banda 20 comporterebbe un costo maggiore per l’azienda nella produzione dello smartphone, viste le royalties da versare ai proprietari dei relativi brevetti.

Questa banda viene principalmente usata per la copertura nelle zone rurali e in edifici. Seppur sia la banda 4G più lenta fra tutte, è infatti quella con la capacità di diffusione migliore. I più penalizzati sono gli utenti Wind, dato che questo operatore la usa come banda principale. Tuttavia, la fusione con 3 Italia potrebbe migliorare questo aspetto. Anche i clienti VodafoneTIM sono colpiti da questa mancanza, seppur in maniera minora, al contrario di quelli 3 Italia, dato che non utilizza questa banda.

Ovviamente ciò non significa che se vi troverete in una zona coperta da banda 20 rimarrete obbligatoriamente senza segnale. In tal caso, lo smartphone si appoggerà sulle frequenze 3G (se presenti), con velocità sì ridotte ma comunque garantendovi un utilizzo minimo.

Quali smartphone Xiaomi hanno la banda 20?

lte 4g banda 20


Xiaomi Italia

Il 2018 è stato l’anno del debutto di Xiaomi in Italia, dopo anni ed anni di attesa da parte della community nostrana. Conseguentemente l’azienda ha deciso di debuttare con l’apertura del primo Mi Store ad Arese, in provincia di Milano, al quale ne sono seguiti diversi altri. Per chi non lo conoscesse, il Mi Store è un negozio dedicato in cui trovare non solo smartphone, ma anche prodotti ed accessori di vario stampo (qua la lista completa).

Dove comprare Xiaomi in Italia: guida all’acquisto

Non potevano mancare partnership con i principali operatori telefonici, ovvero TIM, Wind, 3 Italia e Fastweb. In alternativa, è possibile acquistare smartphone Xiaomi anche presso MediaWorld, Carrefour, Trony, Auchan, Esselunga, Coop, Iper, Iperal, Panorama e Il Gigante.

Se voleste entrare a far parte dell’universo Xiaomi, vi invitiamo ad unirvi nella Mi Community, portale in cui interagire con gli altri appassionati del brand (e non).

SITO UFFICIALE
FACEBOOK
INSTAGRAM

xiaomi store milano italia 26 maggio

Assistenza e Garanzia

Un vantaggio dello sbarco di Xiaomi in Italia è la presenza di numerosi centri di assistenza, sparsi per tutta Italia. Questi sono veramente numerosi e presenti nella quasi totalità delle province. Sul sito potete trovare l’elenco completo, con indirizzi ed orari di apertura. Sempre sul sito di Xiaomi Italia è riportato il regolamento integrale per la garanzia sulle varie tipologie di prodotto.

xiaomi italia

Prezzi: differenze con la Cina

Da sempre Xiaomi è sinonimo di convenienza. In realtà questo discorso vale in particolar modo per coloro che vivono in Cina. I prezzi annunciati al lancio di un nuovo prodotto, infatti, sono validi soltanto per la madrepatria. Ciò riguarda sia accessori che smartphone, anche se le differenze di prezzo colpiscono maggiormente questi ultimi.

Per farvi un esempio, la variante inferiore del Mi 6 è stata ufficializzata ad aprile a 2199 yuan, circa 297 euro al cambio attuale. Tuttavia, durante i primi giorni di commercializzazione online lo si poteva trovare attorno ai 450 euro, ben sopra il prezzo cinese.

Se dovessimo suddividere le serie Xiaomi in base al prezzo, in fascia low-cost ovviamente troviamo la serie Redmi. Salendo di poche decine di euro troviamo la serie Redmi Note, con dimensioni maggiori e specifiche solitamente migliorate. Andando oltre troviamo la serie Mi, suddivisa ulteriormente in base al prezzo. Inizialmente troviamo gamme particolari come Mi Max e Mi Note, per poi salire a Mi e Mi MIX, ovvero le serie ammiraglie.

xiaomi prezzo

Offerte Xiaomi

Negli scorsi mesi abbiamo lanciato GizDeals Group. In questo gruppo Telegram vi aiutiamo con i vostri acquisti online, a tema Xiaomi e non, su eBay, Amazon, GearBest e via dicendo. Qua potrete trovare numerosi coupon ed offerte come queste in tempo reale, oltre al supporto giornalieri con consigli su cosa e dove acquistare. Ecco cosa potete fare su GizDeals Group:

  • richiedere coupon per i prodotti che vi interessano;
  • ricevere assistenza per i vostri acquisti dagli store cinesi (e non);
  • beneficiare di alcune offerte esclusive per il gruppo;
  • ricevere in anteprima le proposte più interessanti dalla Cina;
  • interagire con lo staff per consigli e suggerimenti.

ISCRIVITI A GIZDEALS GROUP

gizdeals - offerte - gearbest - amazon - ebay

Accessori e domotica: un universo vastissimo

Nel corso degli anni Xiaomi si è resa nota al pubblico non soltanto per la produzione di smartphone, ma anche per il lancio pressoché senza fine di prodotti dagli utilizzi più variegati. Si passa dai più semplici accessori complementari a smartphone e notebook fino agli oggetti più assurdi.

Ed è forse questo enorme ecosistema di prodotti che ha reso Xiaomi la realtà che è oggi. La volontà di supportare il cliente (e trarne profitto, ovviamente) in tutto e per tutto, fornendo una dotazione di prodotti a 360°. Pensate ad un oggetto… L’avete fatto? Ecco, sicuramente Xiaomi ne ha fatto uno! Scherzi a parte, dov’è che abbiamo già visto questa filosofia? Esatto, Apple. Non è un caso, quindi, che Xiaomi sia spesso accostata alla mela californiana. Se volete avere una piccola idea della quantità di prodotti messi in commercio dall’azienda leggetevi questo articolo.

Xiaomi porterà il 5G anche nella fascia media: lo conferma Lei...

0
Lei Jun ha fatto delle dichiarazioni decisamente interessanti nel corso dell'evento China Mobile Global Partners, soffermandosi sulla diffusione dello standard 5G e sull'arrivo di...

Xiaomi Mi Watch: a Dicembre il primo aggiornamento OTA

0
Dopo la presentazione di Xiaomi Mi Watch, avvenuta qualche settimana fa in concomitanza dell'evento per il Mi CC9 Pro, non si è placato l'entusiasmo...

Xiaomi sta per lanciare il suo primo eReader

0
Visti gli scarsi risultati di mercato, difficilmente vedremo un nuovo tablet Xiaomi nell'immediato. Parallelamente a ciò, il nuovo teaser pubblicato in rete ci svela...

Xiaomi Bebird M9 Pro: nuovo prodotto per l’igiene delle orecchie

0
Come sempre Xiaomi è una fonte inesauribile di idee. All'interno di questa azienda, infatti, vengono pensati, progettati e venduti prodotti davvero differenti. Non si...

Redmi Note 8 Pro anche in salsa Qualcomm con lo Snap...

0
Secondo gli ultimi rumors, Redmi Note 8 Pro potrebbe riprendere una procedura vista negli anni passati da parte di Xiaomi. Come alcuni di voi ricorderanno, con...

Xiaomi M1912G7Bx certificato: che sia Pocophone F2?

0
Nel turbinio di modelli che Xiaomi è solita lanciare, spunta un nuovo modello sotto il nome in codice di Xiaomi M1912G7BE/M1912G7BC. Questo dispositivo ha ricevuto la certificazione...

Scavatrice giocattolo Xiaomi: il nuovo gadget in stile “Lego”

0
Xiaomi è solita presentare gadget e dispositivi afferenti alle più disparate categorie, per tutti i gusti e per tutte le tasche (come ben sanno...

Il nuovo cestino smart Xiaomi è in grado di fare tutto...

0
Vi ricordate il cestino smart prodotto in collaborazione con Xiaomi che abbiamo recensito un anno fa? Nei mesi successivi ne sono state prodotte altre versioni, fra...

Xiaomi Mi CC9 / Mi 9 Lite inizia a ricevere Android...

0
A Luglio scorso è stato presentato Xiaomi Mi CC9, il quale alle nostre latitudini è presto diventato Xiaomi Mi 9 Lite. Il device, che...

Xiaomi Mi 10 è una meraviglia in questo concept: sarà davvero...

0
Ci avviciniamo alla fine dell'anno e siamo sicuri che tutti i maggiori produttori di smartphone siano già proiettati verso il 2020 ed i nuovi...

Redmi K30 potrebbe essere il primo Redmi con display a 90...

0
Il debutto del Redmi K30 è previsto da qualche parte nel corso del 2020 (ma forse potrebbe arrivare già nei primi mesi) e sarà...

Xiaomi Fish Tank: l’acquario che si alimenta con un powerbank!

0
Da quando Xiaomi ha deciso di produrre accessori per qualsiasi tipo di categoria, sono stati sviluppati diversi dispositivi. Se andiamo ad osservare all'interno del...

Redmi K30 certificato in patria: a quando il debutto?

0
Nel corso dell'evento di lancio di Redmi 8/8A, il produttore asiatico ha pensato bene di infiammare gli animi rivelando qualcosina a proposito del prossimo...

Xiaomi Mi Wireless Mouse 2: fino a un anno di autonomia...

0
Dopo il debutto del primo capitolo, la compagnia di Lei Jun ha deciso di far il bis con lo Xiaomi Mi Wireless Mouse 2,...

Xiaomi Mi Note 10 messo a nudo in un teardown: ecco...

0
Il produttore cinese ha pubblicato un interessantissimo video teardown che ci mostra l'interno dello Xiaomi Mi Note 10, il primo Penta Camera al mondo....

Xiaomi al lavoro su un telefono con fotocamere migliori di Mi...

0
Lanciato qua da noi come Mi Note 10, lo Xiaomi Mi CC9 Pro ha fatto parlare di sé per un primo posto conquistato nella classifica...

Xiaomi introduce l’app drawer a bordo della MIUI 11

0
Con il debutto di POCO Launcher, Xiaomi ha cominciato a muoversi in una direzione differente, introducendo per la prima volta un app drawer. Per...

Xiaomi Mi Note 10: il display AMOLED è prodotto da Visionox

0
Da qualche giorno abbiamo potuto accogliere il nuovo Xiaomi Mi Note 10, la versione internazionale di Mi CC9 Pro. Questo device si configura come...