Una cosa è certa: durante il 2016 Xiaomi ha lanciato sul mercato decine di smartphone molto simili tra loro con vari aspetti comuni e spesso pochissime differenze. L'ultimo arrivato, almeno per il momento, è lo Xiaomi Redmi Note 4, dispositivo che proviene dopo un glorioso Redmi Note 3 già seguito a sua volta dalla variante Pro.

Ma sarà questo Redmi Note 4 il vero phablet del colosso cinese? Non vi resta che scoprirlo nella nostra recensione completa!

xiaomi-redmi-note-4-6

Qualora foste interessati all'acquisto del dispositivo, lo potete acquistare su TopResellerStore a 230 euro nella versione 3/64 GB con spedizione dall'Italia e garanzia 24 mesi.

Xiaomi Redmi Note 4, la recensione completa di GizChina.it

Xiaomi Redmi Note 4 – Confezione di vendita

Come al solito Xiaomi non sorprende più di tanto i propri utenti almeno per quanto riguarda la dotazione di accessori. Nel box di vendita, infatti, non troviamo nulla di nuovo se non le solite ed indispensabili cose, quali:

  • Xiaomi Redmi Note 4;
  • caricatore da parete con presa cinese ed uscita a 5V/2A;
  • cavo USB – microUSB;
  • manuali di istruzioni rapide in cinese;
  • spilletta per la rimozione SIM.

xiaomi-redmi-note-4-12

Xiaomi Redmi Note 4 – Design e materiali

Xiaomi Redmi Note 4 è caratterizzato da una scocca unibody in metallo e, a dir la verità, è veramente molto ben realizzato oltre che solido e robusto, sensazione che riesce a trasmettere sin dai primi momenti che lo si impugna.

Come già detto per i precedenti modelli della gamma Redmi, tutti si caratterizzano per una buona qualità costruttiva oltre che per dei materiali di tutto rispetto, soprattutto nella fascia di mercato entro cui si inseriscono questi dispositivi.

xiaomi-redmi-note-4-7

Lungo la parte posteriore, inoltre, sono presenti due bande orizzontali (una in alto e l'altra in basso) per garantire una ricezione migliore al dispositivo. E' gradevole ed elegante, inoltre, la leggera fresatura lungo i bordi perimetrali dello Xiaomi Redmi Note 4, che si accentuano maggiormente ai quattro spigoli più stondati.

Ottime anche le rifiniture del sensore biometrico e quelle della fotocamera, che su questo modello è singola e non doppia, a differenza dello Xiaomi Redmi Pro. Ciò che stona, probabilmente, è il peso di circa 175 grammi che, pur non essendo molto elevato, si fa sentire nell'uso di ogni giorno.

xiaomi-redmi-note-4-9

Tuttavia sul lato inferiore dello Xiaomi Redmi Note 4 troviamo lo speaker di sistema, il microfono principale ed il connettore microUSB per la ricarica.

xiaomi-redmi-note-4-8

Sul lato sinistro, poi, è stato inserito lo slot dual SIM in grado di ospitare due schede Nano + Micro oppure una SIM ed una microSD per espandere la memoria.

xiaomi-redmi-note-4-3

Il lato destro, poi, ospita il tasto Power ed il bilanciere del volume.

xiaomi-redmi-note-4-10

In alto troviamo il secondo microfono per la riduzione dei rumori, il sensore infrarossi e l'ingresso mini jack per le cuffie. Frontalmente, infine, il device presenta in alto la capsula auricolare, il LED di notifica RGB personalizzabile, i sensori di luminosità e prossimità oltre che la fotocamera anteriore da 5 mega-pixel.

Xiaomi Redmi Note 4 – Display

Uno degli aspetti senz'altro più convincenti in questo Xiaomi Redmi Note 4 è il display. Testato in diverse condizioni, il pannello da 5.5 pollici Full HD 1920 x 1080 pixel di matrice IPS di cui questo smartphone è dotato, riesce a regalare soddisfazioni praticamente in ogni contesto.

xiaomi-redmi-note-4-1

Con una densità di pixel pari a 401 PPI, il display di Xiaomi Redmi Note 4 possiede una fedeltà cromatica davvero impeccabile, oltre a godere di una buona luminosità e di una veloce regolazione automatica alle condizioni di luce in cui ci si trova. Non mancano, come di consueto, i menù delle impostazioni del display nei quali si possono modificare parametri come la temperatura del colore oltre che l'utilizzo della modalità lettura.

Xiaomi Redmi Note 4 – Hardware e performance

Lo Xiaomi Redmi Note 4, nella variante in nostro possesso, è mosso da un SoC MediaTek MT6797 Helio X20deca-core con architettura a 64 bit tri-cluster: 2 x 2.1 GHz A72 + 4 x 2.0 GHz A53 + 4 x 1.4 GHz A53.

Sono poi presenti 3 GB di RAM LPDDR3 a 933MHz e 64 GB di memoria interna espandibili tramite microSD fino a 128 GB. Esiste, però, una variante leggermente inferiore del dispositivo (Standard Edition) che possiede a bordo 2 GB di RAM LPDDR3 a 933MHz e 16 GB di storage interno.

Xiaomi Redmi Note 4, tuttavia, gira bene nelle operazioni quotidiane, così come nel multitasking spinto o anche in gaming, dove non mostra alcun segno di cedimento o difficoltà. Ottima la GPU Mali-T880 MP4 a 700 MHz, la quale ci consente di ottenere un buon framerate durante le sessioni di gaming, anche se ne risentono leggermente le temperature massime durante l'utilizzo.

Nessun problema di rilievo durante la navigazione web: il Redmi Note 4 è rapido nei caricamenti e fluido nell'interazione con i contenuti web, anche se il browser stock al momento non è perfettamente ottimizzato per il nostro paese e presenta non poche scritte invasive in cinese. Il consiglio, come al solito, è quello di affidarsi a Chrome per risolvere ogni difficoltà.

Xiaomi Redmi Note 4 – Antutu Benchmark

Xiaomi Redmi Note 4 – Audio

E' interessante il posizionamento dell'altoparlante lungo il lato inferiore del dispositivo. C'è da dire, però, che la qualità non è eccellente, così come l'equalizzazione che pecca molto nelle frequenze medio-alte enfatizzando quelle più basse che, in alcuni brani riprodotti, tendono anche a gracchiare leggermente.

Xiaomi Redmi Note 4 – Fotocamera

xiaomi-redmi-note-4-11

La fotocamera in dotazione allo Xiaomi Redmi Note 4 è da 13 mega-pixel con apertura f/2.0, autofocus PDAF e doppio flash LED dual tone.

Con buona luce ed in diurna il device riesce a regalare scatti soddisfacenti e con una taratura cromatica eccellente, oltre che con una buona definizione. In notturna, o comunque al calar della luce, va scemando anche la qualità delle fotografie che sfiorano solamente la sufficienza, dal momento che è presente non poco rumore oltre che colori leggermente sfalsati.

Ciò che è ottimo, come sempre, è l'applicazione fotocamera della MIUI 8, ricca di opzioni per lo scatto oltre che della modalità HDR ben implementata e soprattutto bilanciata tanto da non falsare i colori quando attiva.

La camera anteriore, invece, è un'unità da 5 mega-pixel anch'essa con apertura f/2.0, la quale riesce a scattare delle fotografie accettabili, ma nulla di più.

Xiaomi Redmi Note 4 – Test registrazione video FullHD 1080p

Xiaomi Redmi Note 4 – Software

Uno tra i primi dispositivi che out of the box presenta già la MIUI 8 è proprio questo Xiaomi Redmi Note 4. Non si sa se effettivamente, al momento, possa essere un ben o un male per gli utenti finali, dal momento che non è presente una ROM Global con lingua italiana e Play Store già preinstallati, ma di certo le funzionalità della nuova ROM di Xiaomi non sono da sottovalutare.

Nel video qui in alto, alcuni mesi fa, vi abbiamo parlato delle funzioni principali e più interessanti introdotte nella MIUI 8, una tra questa Second Space, che ci permette di creare uno spazio virtuale dedicato ad un “secondo utente” e gestire lo smartphone in modo indipendente dall'altra “partizione”.

Le prestazioni, tuttavia, sono buone ed il sistema è piuttosto reattivo e veloce. Unici aspetti negativi, come sempre, restano la mancanza della lingua italiana in modo nativo oltre che, probabilmente, la troppa invadenza delle applicazioni cinesi preinstallate.

Xiaomi Redmi Note 4 – Autonomia

La batteria in dotazione allo Xiaomi Redmi Note 4 è un'unità da ben 4100 mAh non removibile che, nell'uso stress di ogni giorno, fa molto bene il suo dovere e ci accompagna fino al termine della giornata senza la minima difficoltà.

Pur possedendo una ROM ancora non stabile ed ottimizzata al cento per cento, lo Xiaomi Redmi Note 4 totalizza quasi 6 ore di schermo attivo chiudendo la giornata con una scarsa percentuale residua; al contrario, se ne fate un utilizzo meno stressante, a fatica completerete due giornate.

Xiaomi Redmi Note 4 – Galleria fotografica

Xiaomi Redmi Note 4 – Considerazioni finali

Lo Xiaomi Redmi Note 4, dunque, al momento rappresenta uno smartphone dal grande potenziale ma con ancora qualcosa da rivedere. Sia chiaro, ogni giudizio in questa recensione è stato molto influenzato dal fatto di non essere in possesso di una ROM Global (adatta a tutte le tipologie di utenti, dagli esperti ai principianti), ma solamente di una ROM cinese che, per forza di cose, fa scendere inevitabilmente il punteggio in pagella.

C'è però da dire che una volta affinato il software (cosa che succederà nelle prossime settimane, come abbiamo visto anche in passato), lo Xiaomi Redmi Note 4 si candida ad essere, ancora una volta, il punto di riferimento per l'azienda in questa fascia di mercato.

Qualora foste interessati all'acquisto del dispositivo, lo potete acquistare su TopResellerStore a 230 euro nella versione 3/64 GB con spedizione dall'Italia e garanzia 24 mesi.