Il 2022 sarà l’anno dei 3 nm, ma non per Xiaomi, OPPO e vivo

tsmc 3 nm

Da pochi mesi i primi SoC a 4 nm hanno debuttato sugli scaffali, ma già si parla di come TSMC stia preparando i prossimi chipset a 3 nm. Nell’evoluzione tecnologica dei semiconduttori, il chipmaker fab taiwanese sta dimostrando di non avere rivali, al contrario di Samsung e i suoi chipset dalla minore efficienza energetica. Un argomento di cui ultimamente si fa un gran parlare, con la stessa Samsung che è arrivata persino a scusarsi pubblicamente dei problemi riscontrati. Nel mentre continuerà a lavorare per ottimizzare i suoi prodotti a 5 e 4 nm, TSMC pensa già alla produzione a 3 nm, prevista già per i prossimi mesi.

Aggiornamento 19/08: ci sono nuovi dettagli sulla roadmap per i primi SoC a 3 nm di TSMC. Trovate tutti i dettagli a fine articolo.

TSMC prepara i suoi primi SoC a 3 nm, ma gli smartphone Android dovranno attendere

Come riporta Digitimes, ecco quanto afferma il CEO di TSMC, CC Wei: “Prevediamo che la produzione N3 sarà guidata sia da soluzioni per il mondo computer che per quello smartphone. Continuiamo a vedere un elevato livello di coinvolgimento dei clienti in N3 e ci aspettiamo più ordini nel primo anno rispetto a N5 e N7“. Si prevede quindi che il processo produttivo a 3 nm possa essere uno dei più apprezzati dai partner con cui TSMC lavora. Fra questi troviamo brand blasonati come NVIDIA, AMD, Intel e Broadcom, ma anche Apple, Qualcomm e MediaTek, cioè una grossissima fetta del mercato smartphone.

Secondo le previsioni, l’inizio della produzione definitiva a 3 nm da parte di TSMC inizierà nella seconda metà del 2022, con previsioni di 30.000/35.000 wafer al mese. Tuttavia, il primo cliente a beneficiarne non dovrebbe essere né Qualcomm né MediaTek, pertanto nessuno dei vari produttori Android come Xiaomi, OPPO, vivo, OnePlus, Realme e così via. Come già accaduto in passato, la precedenza sembrerebbe essere di Apple, che forse già nel 2022 porterà al pubblico il suo primo prodotto con SoC a 3 nm.

Dovrebbe essere un tablet, presumibilmente iPad Pro 2022, che a questo punto potrebbe montare un inedito SoC Silicon M, seguendo all’M1 visto a bordo dell’attuale modello. Apple l’ha già fatto nel 2020, quando il primo SoC a 5 nm arrivò su iPad Air 4th Gen e successivamente su iPhone 12. Al tablet seguirebbero poi iPhone 15 e Mac e iPad nel 2023, rispettivamente con i futuri Apple A17 e Apple M3.

Apple è in pole-position | Aggiornamento 19/08

Nel mentre aleggia una certa preoccupazione verso la Cina, TSMC sta finalizzando la produzione dei primi SoC a 3 nm. E secondo i rumors più recenti, sarà proprio Apple il primo cliente del chipmaker a usufruire di questo nuovo processo produttivo. I primi wafer a 3 nm sarebbero destinati alla creazione degli inediti chip M2 Pro e M2 Max a cavallo fra fine 2022/inizio 2023, pertanto parleremmo di chip per il mondo PC, più precisamente per Mac Mini, MacBook Pro 14″ e 16″.

Nel mentre, ricordiamo che Samsung è già partita con la produzione dei suoi primi SoC a 3 nm, anticipando la rivale taiwanese. Tuttavia, parliamo di chip destinati a dispositivi ASIC, cioè macchinari per il mining delle criptovalute; se si parla di smartphone, è altamente probabile che sarà TSMC a produrre i primi SoC mobile a 3 nm nel corso del 2023.

⭐️ Amazon ha annunciato le date del Prime Day 2024 (16 e 17 luglio): scopri tutti i dettagli dell'evento più atteso dell'anno e come seguire con noi le offerte in tempo reale (per non perdere nemmeno un'occasione)!