Xiaomi 14 Ultra non convince DxOMark, ma la community non è contenta

xiaomi 14 ultra dxomark fotocamera
Crediti: DxOMark

L’argomento DxOMark solleva sempre un certo grado di controversia, specialmente quando si ha a che fare con smartphone come Xiaomi 14 Ultra. Come vi abbiamo raccontato nella nostra recensione, quello del camera phone di Xiaomi è attualmente il miglior comparto fotografico che si possa trovare in circolazione. Ma non è della stessa opinione il team parigino, che ha dato al flagship cinese un punteggio decisamente più basso rispetto a quanto alcuni si potevano aspettare, viste le premesse.

DxOMark non premia la fotocamera di Xiaomi 14 Ultra: ecco pro e contro

Ricordiamo il comparto hardware di Xiaomi 14 Ultra:

  • Primario 24 mm Sony LYT-900 50 MP f/1.63-4.0 da 1″, pixel da 1.6 µm, OIS, lenti 8P Leica
  • Ultra-grandangolare 12 mm Sony IMX858 50 MP f/1.8 da 1/2.52″, pixel da 0.64 µm, FoV di 122°
  • Teleobiettivo 3.2x 75mm Sony IMX858 50 MP f/1.8 da 1/2.51″, pixel da 0.64 µm, OIS, macro a 10 cm
  • Teleobiettivo 5x 120 mm Sony IMX858 50 MP f/2.5 da 1/2.51″, pixel da 0.64 µm, OIS, macro a 30 cm

Sulla carta, quello di Xiaomi 14 Ultra è un reparto fotografico che ha poco da invidiare alla concorrenza, sia lato hardware che software, con Xiaomi che ha lavorato al fianco di Leica per ottimizzare ulteriormente il suo modello di punta. Come non citare Xiaomi AISP, dove l’intelligenza artificiale agisce per offrire feature che migliorano dettagli, toni, colori e foto ritratto.

Questo non è evidentemente bastato ai recensori di DxOMark, che con un punteggio di 149 punti lo classificando nell’ultima posizione della sua top 10, dietro a modelli di generazione passata come Huawei P60 Pro, Honor Magic 5 Pro e OPPO Find X6 Pro, e tanto è bastato a far riaccendere la discussione attorno all’attendibilità delle valutazioni di DxOMark.

Se si guardano i punteggi “nudi e crudi” salta fuori qualche stranezza, come per esempio il fatto che Huawei Pura 70 Ultra abbia preso 164 punti nella categoria “Zoom” rispetto ai 160 di Xiaomi 14 Ultra, nonostante il primo abbia un solo teleobiettivo 3.5x mentre il secondo abbia anche un periscopiale 5x. Leggendo meglio i dati, però, ci si accorge che questa categoria comprende anche l’ultra-grandangolare, dove Huawei prende 122 punti, più dei 113 dello Xiaomi che però prende 120 punti nel teleobiettivo contro i 119 del Huawei: ma nonostante la categoria si chiami “Zoom”, la media ultra-grandangolare/tele premia più Huawei di Xiaomi.

Volendo continuare a confrontare questi due modelli, la categoria generale “Foto” restituisce un punteggio di 144 punti per Xiaomi 14 Ultra e 169 punti per Huawei Pura 70 Ultra. Secondo DxOMark, il camera phone Huawei fa meglio di quello Xiaomi in tutti gli aspetti: esposizione, colori, autofocus, dettagli, rumore, artefatti e bokeh. Lo Xiaomi viene criticato per avere una velocità dell’otturatore troppo lenta, in quanto ha un sensore da 1″ (che ha anche il Huawei) la cui maggiore quantità di pixel richiede più tempo per esporli tutti; tuttavia, è anche vero che ha un’apposita modalità Fastshot che riduce lo shutter lag pressoché a zero.

Sempre per via del sensore, un’altra critica che viene avanzata da DxOMark riguarda la profondità di campo limitata: anche in questo caso, usare un sensore da 1″ comporta un bokeh maggiore rispetto a un sensore più piccolo. Di per sé questo non è un difetto, perché avere un bokeh naturale più accentuato può essere un vantaggio se si vuole scattare una foto Ritratto a un soggetto, senza far intervenire il software ricreando artificiosamente uno sfondo sfocato. Può però capitare, come nell’esempio qua sotto, che con due soggetti tutto sommato vicini quello posto dietro risulti meno a fuoco di quello davanti, ma in questo può aiutare la lente ad apertura variabile che si può impostare fino a f/4.0 tramite la modalità Pro dell’app fotografica.

xiaomi 14 ultra dxomark fotocamera

In generale, sembra che DxOMark sia stato molto più puntiglioso nel valutare i difetti di uno Xiaomi 14 Ultra che risulta difficile da classificare così in basso, dietro a smartphone non di ultima generazione e con un reparto hardware decisamente meno avanzato. Non è la prima volta che Xiaomi si scontra con DxOMark, un’azienda che negli ultimi anni ha dimostrato in più di un’occasione di premiare soprattutto i camera phone di Huawei, Honor, OPPO e vivo, sempre nelle prime posizioni a discapito di Xiaomi, Apple, Samsung e Google.

Come disse lo stesso Lei Jun di Xiaomi, uno dei motivi principali per cui la sua azienda non si affida a DxOMark sono i costi dei test che l’azienda francese effettua sugli smartphone che riceve. Sì, perché non tutti sanno che DxOMark è di proprietà di DxO Labs, azienda che produce software fotografico professionale e che in DxOMark ha una divisione dedicata non solo alla valutazione di prodotti fotografici quali smartphone, fotocamere e obiettivi ma anche al collaborare con le aziende che li producono.

Avete presente quando viene annunciato un nuovo top di gamma e subito all’evento viene sbandierato il suo punteggio DxOMark? Questo avviene perché viene fornito a DxOMark con settimane se non mesi d’anticipo, in modo che possa testarlo e fornire consigli sulla calibrazione software sulla base di quelli che sono i suoi parametri ideali. Vien da sé che la messa in pratica di questi consigli permetta al produttore di realizzare uno smartphone che combacia con i test DxOMark, al contrario di quegli smartphone che non sono stati calibrati secondo i suoi criteri.

Insomma, dire che le aziende pagano DxOMark per essere prime in classifica non sarebbe veritiero, ma questo è l’ennesimo caso che ci dimostra che il punteggio non conta se non si prendono in considerazione tutti questi aspetti in gioco. Detto questo, ecco come si aggiorna la classifica top 10 di DxOMark:

  • 163 – Huawei Pura 70 Ultra
  • 158 – Honor Magic 6 Pro
  • 157 – Huawei Mate 60 Pro+, OPPO Find X7 Ultra
  • 156 – Huawei P60 Pro
  • 154 – Apple iPhone 15 Pro, iPhone 15 Pro Max
  • 153 – Google Pixel 8 Pro, OPPO Find X6 Pro
  • 152 – Honor Magic 5 Pro
  • 150 – OPPO Find X6, vivo X100 Pro
  • 149 – Huawei Mate 50 Pro, Xiaomi 14 Ultra
  • 148 – Google Pixel 8

Sai che siamo anche su WhatsApp? Iscriviti subito ai canali di GizChina.it e GizDeals per restare sempre informato sulle notizie del momento e sulle migliori offerte del web!

⭐️ Amazon ha annunciato le date del Prime Day 2024 (16 e 17 luglio): scopri tutti i dettagli dell'evento più atteso dell'anno e come seguire con noi le offerte in tempo reale (per non perdere nemmeno un'occasione)!