Il futuro di Honor sarà fatto di AR, VR e smartphone che sostituiscono il PC

honor logo george zhao

In occasione del lancio al pubblico di Honor View 20, che abbiamo recensito e che su Amazon è già calato sotto i 600€, George Zhao ha espresso qualche parola sul futuro dell'azienda. Un futuro che non sarà fatto di smartphone pieghevoli, al contrario della “sorella maggiore” Huawei. E anche se non si è parlato di rumors come quello della smart TV Honor, il CEO ha svelato qualche dettaglio su cosa bolle in pentola.

LEGGI ANCHE:
La crescita di Honor raggiunge il 170% nei mercati internazionali

Per Honor gli smartphone pieghevoli sono “troppo pesanti e spessi”

Honor View 20

Innanzitutto George Zhao ha parlato del rebrand del logo Honor, cambiato dal precedente in corso dal 2013 e adesso in maiuscolo e con colorazione gradiente. Questo cambiamento rappresenta una sorta di upgrade per la filosofia della società, adesso più audace e dinamica.

Oltre a parlare di View 20, nel futuro di Honor ci sono diversi settori, a partire da quello quasi obbligato degli smartphone 5G. George ha confermato che quello di Honor arriverà nella seconda metà del 2019, anche se le tempistiche dipenderanno anche dallo stato dei lavori alle infrastrutture da parte degli operatori. Niente da fare, invece, per quanto riguarda la possibilità di avere un dispositivo con Android One.

Oltre a ciò, fra gli obiettivi del CEO c'è quello di creare uno smartphone che sostituisca il PC. Già adesso sotto alcuni aspetti è già così o quasi: basti pensare proprio ad Honor View 20, con memorie da 128 e 256 GB. Il tutto sarà correlato anche a segmenti di mercato come AR e VR, nei quali “abbiamo soltanto messo appena i piedi“, come da egli affermato. E Honor sta lavorando proprio in questa direzione, anche se per il momento non è dato sapere a cosa punti, di preciso.


Non perdere alcuna notizia in tempo reale e le migliori offerte dedicate a Huawei nel canale Telegram dedicato!