Come ormai saprete, l’arrivo del nuovo Xiaomi Mi 5C ha contrassegnato il debutto del Surge S1, ovvero il primo SoC proprietario di Xiaomi. Viste le specifiche del chipset, arriva online un confronto prestazionale fra le 3 soluzioni di questa fascia, comprensive di Qualcomm Snapdragon 625 (su Redmi Note 4X) e MediaTek Helio P20 (su Meizu X).

snapdragon 625 surge s1 mediatek helio p20

Xiaomi Surge S1: il chipset a confronto con Snapdragon 625 e MediaTek Helio P20 in vari test benchmark, gaming e di temperature

Osservando i risultati ottenuti tramite i vari test AntutuGeekBench3DMarkPCMarkGFXBench, è possibile notare come, a livello puramente di CPU, l’Helio P20 di MediaTek risulti il più performante, seguito subito dopo dallo Snapdragon 625 ed infine dal Surge S1, il quale integra il processore meno potente del lotto.

Tuttavia, quello che è interessante riguarda la potenza grafica, settore in cui il Surge S1 ha la meglio in praticamente tutti i test, sintomo di come la Mali-T860 MP4 sia ben ottimizzata e più performante dei due competitors. Da notare, inoltre, come anche il punteggio in multi-core tramite GeekBench sia superiore al SoC di Qualcomm.

Questo slideshow richiede JavaScript.

Insomma, uno Xiaomi Mi 5C che sembrerebbe portato più per le mansioni più impegnative che per l’utilizzo basilare in single-core. Di conseguenza, come si comporterà in fase di gaming? Ma soprattutto, visto il processo produttivo a soltanto 28 nm, come verranno bilanciate le temperature?

Come pronosticabile, dopo 30 minuti di Real Racing 3, lo Xiaomi Mi 5C ha raggiunto una temperature di 44° C, ben superiore ai 26/27° C della concorrenza. Inoltre, è da segnalare come l’Helio P20, pur risultando inferiore nei benchmark, superi, seppur di poco, i 32 FPS del Surge S1. Ciò potrebbe dipendere sia da una mancata ottimizzazione del gioco per questo inedito chipset che dal maggior surriscaldamento. A breve vi proporremo la nostra recensione dello Xiaomi Mi 5C e vi diremo se questo dispositivo può essere una valida alternativa o un terminale per certi versi ancora acerbo, soprattutto in termini di autonomia.

Questo slideshow richiede JavaScript.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.