Mercato smartphone: in Cina è crisi dei mono brand store

jd.com logo

Abbiamo ripetuto in diverse occasioni come il mercato degli smartphone stia vivendo – per la prima volta – un periodo di ristagnamento. A risentirne di più della mancata crescita sarebbero proprio gli store delle aziende, e questo studio di Counterpoint ne è la prova.

Mercato smartphone: le spedizioni dalla Cina calano del 21%

L'attuale situazione da ragione ai multistore: ecco i risultati

counterpoint 1

Stando a quanto si evince dai risultati relativi al Q1/2019, la “crisi” delle vendite colpirebbe in maniera più pesante gli store dedicati ai singoli brand, a vantaggio – invece – di rivenditori terzi. I numeri parlano chiaro: secondo Counterpoint, infatti, il mercato sarebbe occupato per oltre il 70% dai grandi rivenditori come JD, Tmall e Suning.

Tra i singoli brand, i numeri più incoraggianti sono totalizzati da Xiaomi, Apple ed Honor, quest'ultima in fase crescente anche nelle vendite offline.

Dall'analisi effettuata da Counterpoint per il mercato cinese si evincono due fattori fondamentali. Il primo riguarda Xiaomi: si nota come l'azienda sia riuscita a “resistere” al periodo calma piatta dal punto di vista degli acquisti grazie a prodotti come Redmi Note 7 che ha fatto registrare record importanti. Dall'altra parte troviamo, come già detto, Honor, che si è riuscita ad imporre anche alla stessa Huawei in patria grazie ad una politica economica meno pretenziosa.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.