Lo smartphone cinese Star N9500 sembra contenere software malevolo

Star N9500 spyware

La rinomata azienda tedesca G Data, che opera principalmente nel settore della sicurezza informatica, ha riscontrato la presenza di software malevolo nello smartphone Star N9500, che potrebbe permettere il furto di dati e l'utilizzo di fotocamere e microfono.

Thorsten Urbanski di G Data ha dichiarato di aver acquistato lo smartphone a causa di diverse lamentele da parte dei consumatori. L'azienda ha tentato di contattare il produttore per circa una settimana, ma senza successo. Sembra infatti che, nonostante questo smartphone sia venduto da molti dei più importanti rivenditori, non vi sia modo di contattare l'azienda o di trovare documentazione.

Stando a quanto riportato da G Data, il software malevolo riscontrato sarebbe uno spyware, capace di rubare i dati degli utenti e di trasmetterli a server cinesi, di intercettare telefonate e di attivare ed utilizzare fotocamere e microfoni.

Vista la gravità della situazione, invitiamo i lettori a stare alla larga da smartphone marchiati “Star”, in attesa magari di ulteriori notizie o di un cenno da parte del produttore.

Ringraziamo gli utenti Davide e Pinga per la segnalazione.

[Fonte , Fonte]

 

15 Commenti

  1. La domanda adesso è chi ha messo il malware. L’opzione pià consolante è che sia stata direttamente l’azienda produttrice. L’opzione nucleare invece è che sia stata messo direttamente da governo cinese.
    Non si può escludere che anche altri produttori di telefonini, non necessariamente cinafonini, abbiano un virus dentro.

      • Se tieni conto che gli USA modificano l’hardware dei router Cisco, è difficile pensare che la Cina si comporti meglio. Personalmente l’ho sempre pensato (vedi mio avatar), è così facile controllare tutti e tutto oggi, perché uno stato non dovrebbe farsi tentare?
        Poi il governo cinese ha l’ “esigenza” di avere un forte controllo sul “dissenso”, quindi ..
        Ci sono anche voci di quel che fa Samsung sui suoi cellulari, ma non mi ricordo più la fonte, quindi facciamo finta di niente 🙂

        • Apro una parentesi, devi scusarmi, ho visto solo ora la tua segnalazione di ieri. Aggiungo immediatamente il ringraziamento anche a te 😉 Sorry

  2. Oggi giorno ci sta tutto!!!Comunque anche G data cosi’ si fa una buona pubblicita’….
    se non dovessimo piu’ comprare i telefonini marchiati “star” allora anche la maggior parte dei telefonini,phablet e tablet cinesi,probabilmente!…visto che “star” produce anche per altre aziende,stessi telefoni ma con altri brands o addirittura e’ la stessa “star” che e’ proprietaria di piu’ brands.
    Piu’ volte ho cercato informazioni su “star” ma non sono mai venuto a niente e questo non e’ un buon segno,sarebbe molto interessante scoprire di piu’ su questa “azienda”.

    • Star è semplicemente un’azienda che rimarchia prodotti della ZWX/Alps, al pari di HDC, Goophone,ma anche le varie Zopo ed iOcean

  3. Io ho avuto un b93 della star e ricordo che è stato segnalato su dei forum un problema del genere. Mi arrivavano anche dei messaggi in cinese sul tel.

  4. Ragazzi ho controllato dei modelli Zopo, Thl e Goophone e fortunatamente non hanno questo trojan…Poi ho analizzato un “Kingelon N8000″…State attenti anche a questa marca…Qui era presente il trojan!

  5. Riporto anche in questo articolo e vorrei segnalare che non è il primo caso. Anche il mio vecchio star B63M usciva con il suddetto trojan. Per fortuna 2 anni fa (o forse più)non avevo la sim con il pacchetto dati quindi ho fatto in tempo a scoprirlo ed eliminarlo. Se non ricordo male il mio inviava degli sms (o qualcosa di similare)su un server cinese tramite internet. e ovviamente addio credito (non so di quanto perchè per fortuna l’ho eliminato prima). il B63M ebbe un discreto successo 2 anni fa però sembra che questo vizio la Star non se lo sia tolto 😛

    • Brutto vizio, che probabilmente gli costerà una bella fetta di mercato. Grazie della segnalazione! 😉

LASCIA UN COMMENTO

Please enter your comment!
Please enter your name here

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.