Huawei e la nuova idea per superare il ban degli USA: costruire un impianto a Shanghai

huawei logo

Da qualche mese, ormai, gli Stati Uniti hanno confermato il ban verso Huawei, con l'impossibilità per questo brand di commerciare con le aziende statunitensi. Ciò ha posto dei problemi, soprattutto riguardo la fornitura di chipset. Motivo per cui il colosso cinese si sta muovendo in tal senso, cercando di arginare tale situazione. Una soluzione plausibile a tutto questo, quindi, potrebbe essere la costruzione di un impianto per la produzione di chip a Shanghai, unico modo al momento per aggirare tale problema.

Huawei pensa di spostarsi a Shanghai

huawei logo

Secondo le ultime indiscrezioni a riguardo, Huawei avrebbe ancora qualche opportunità per rimanere a galla. Una di queste, ad esempio, sarebbe rappresentata da un'idea tanto semplice quanto audace: costruire una nuova linea di produzione di chip a Shanghai, aggirando così il ban degli Stati Uniti. Questo impianto, quindi, sarebbe gestito dal reparto di Ricerca e Sviluppo IC di Shanghai.

LEGGI ANCHE:
Huawei Mate 40 Pro è il primo al mondo con 14 GB di RAM

Inizialmente la produzione di chipset sarebbe a 45nm, per passare poi a 28nm entro la fine del prossimo anno. Non si produrrebbero, però, solo chipset destinati al mercato degli smartphone, ma a quel punto il brand potrebbe tranquillamente dedicarsi anche a tutto ciò che concerne i dispositivi IoT e Smart TV. Vedremo, dunque, che cosa accadrà nelle prossime settimane.

⭐️ Segui e supporta GizChina su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti .