Nel 2020 1 mid-range su 5 in Cina sarà in 5G

realme 5g

Nel 2019 abbiamo avuto un primo assaggio del 5G, proposto da più produttori a bordo dei propri principali top di gamma. Tuttavia, data la penuria di infrastrutture pronte a fornire una ricezione adeguata, si è trattato esclusivamente di una fase prototipale. Sarà dal 2021 che se ne parlerà più concretamente, per quanto già nel corso del 2020 assisteremo ad evoluzioni nella direzione delle prossime reti. Specialmente in Cina (senza dimenticarci del Sud Corea), paese da sempre pioniere dell'innovazione, soprattutto quando si parla di smartphone.

LEGGI ANCHE:
Black Shark 3 5G sarà il primo smartphone con 16 GB di RAM

Gli analisti cinesi ci danno un assaggio di cosa aspettarsi nel 2020 in ambito 5G

Soltanto nel mese di dicembre 2019 le analisi di vendita in Cina parlano di 5 milioni di smartphone 5G, segno che la volontà di avere un prodotto 5G da parte degli acquirenti ci sia. Anche perché abbiamo assistito al lancio di modelli come Redmi K30, Realme X50 ed OPPO Reno 3, i primi veri telefoni 5G non premium. Sì, perché la vera svolta per il segmento la si avrà con la fascia mid-range, quella più accessibile e in cui le vendite aumentano non di poco. Secondo gli analisti, infatti, più del 20% dei telefoni in Cina sotto i 2000 yuan (circa 261€) saranno in 5G.

Una statistica che andrà a ripercuotersi a livello globale a partire dal 2021, quando sempre più operatori garantiranno una copertura all'altezza del 4G. Allo stato attuale, infatti, in Italia ci sono molti meno modelli 5G disponibili all'acquisto, come Xiaomi Mi MIX 3, Samsung Galaxy S10, OPPO Reno ed LG V50. In Europa ce ne sono altri, come OnePlus 7 Pro, ma la lista completa ne comprenderebbe di ulteriori. A questo punto viene da chiedersi: quale sarà il primo mid-range 5G ad arrivare in occidente?


📱Segui GizChina su Google News,  clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti ⭐️.