OxygenOS 13 è sempre più di OPPO nel primo hands-on

oneplus oxygenos 13 hands-on

Con l’aggiornamento alla OxygenOS 13 si aggiunge un altro capitolo nella saga che vede affiancate OnePlus e OPPO. Da quando le aziende sono tornate sotto lo stesso ombrello, i rispettivi team software sono stati fusi e il risultato sono due UI sempre più simili. Si vociferava persino di un vero e proprio Unified OS, ma le compagnie hanno fatto dietrofront e hanno deciso di lasciare le UI separate. Di conseguenza, gli smartphone OnePlus venduti in occidente si aggiorneranno la OxygenOS 13, mentre quelli in Cina alla ColorOS 13. E anche se OPPO non ha ancora presentato ufficialmente il suo nuovo major update, grazie al primo hands-on di quello OnePlus possiamo già farci un’idea.

OnePlus svela in anteprima la OxygenOS 13: ecco le sue novità dell’hands-on

Non starò a ripetervi le novità che OnePlus ha illustrato durante il lancio della OxygenOS 13: quelle le trovate nell’articolo dedicato. Parliamo quindi delle novità che sono passate in sordine, a partire dal miglioramento di Material You. Per chi non lo conoscesse, questo strumento fa sì che l’interfaccia possa essere personalizzata cromaticamente pescando fra i colori dello sfondo utilizzato, creando più coerenza estetica. Con la nuova versione della UI, gli utenti OnePlus potranno scegliere fra una maggiore combinazione di colori.

oneplus oxygenos 13 hands-on

Ma passiamo adesso all’aspetto “dolente”, ovvero le forti similitudini fra OxygenOS e ColorOS. Per esempio il menu O-Haptics, che sugli smartphone compatibili gestisce il feedback aptico che ricrea una vibrazione più realistica, potendo regolarne stile e intensità della vibrazione.

oneplus oxygenos 13 hands-on

Un’altra feature ereditata dalla ColorOS sono le Omoji, con cui creare il proprio avatar personale e usarlo come immagine di profilo e nelle videochiamate.

oneplus oxygenos 13 hands-on

A proposito di Omoji e di Always-On Display, con la OxygenOS 13 sono state aggiunte nuove personalizzazioni grafiche, fra cui le opzioni “Custom Patterns” e “Text & Image“.

oneplus oxygenos 13 hands-on
OxygenOS 13 / OxygenOS 12

Navigando fra i vari menu delle Impostazioni, in particolare quello delle “Funzioni speciali“, le similitudini fra il software OnePlus e quello OPPO si fanno ancora più evidenti.

oneplus oxygenos 13 hands-on
OxygenOS 13 / ColorOS 12.1

Avete presente il cosiddetto design Aquamorphic introdotto nella OxygenOS 13? Anche in questo caso, varie parti dell’interfaccia grafica sono accomunabili fra le due UI…

oneplus oxygenos 13 hands-on
OxygenOS 12 / OxygenOS 13 / ColorOS 12

… e lo stesso possiamo dire per la tendina dei Quick Panel.

oneplus oxygenos 13 hands-on
OxygenOS 12.1 / OxygenOS 13 / ColorOS 12.1

Per quanto riguarda la tendina delle notifiche, anche in questo caso sono palesi le similitudini e le differenze fra OxygenOS 13 e OxygenOS 12.

oneplus oxygenos 13 hands-on
OxygenOS 12 / OxygenOS 13

Fra le modifiche apportate da OnePlus c’è anche un redesign di Shelf, la schermata laterale da cui gestire widget e scorciatoie. Interessante notare la scomparsa dello storico slogan “Never Settle“, adesso sostituito dal calendario.

oneplus oxygenos 13 hands-on

Infine, OnePlus ha rivisto anche la schermata di modifica degli screenshot, aggiungendo opzioni come la pixelizzazione automatica per censurare immagini di profilo e nomi delle chat.

oneplus oxygenos 13 hands-on

In definitiva, OxygenOS 13 è sempre più una ColorOS con un altro nome. Se ciò sia un problema sta al gusto personale: personalmente posso dirvi che, nonostante non apprezzi (ma capisca) il cambiamento di OnePlus, la ColorOS è una delle migliori UI che si possa trovare su Android. Se avete uno smartphone OnePlus e volete sapere se verrà aggiornato, in questo articolo trovate la lista completa dei modelli che la riceveranno.

⭐️ Amazon ha annunciato le date del Prime Day 2024 (16 e 17 luglio): scopri tutti i dettagli dell'evento più atteso dell'anno e come seguire con noi le offerte in tempo reale (per non perdere nemmeno un'occasione)!