Recensione Yeedi Mop Station 2 in 1: finalmente un VERO LAVAGGIO!

Il successo di un’azienda, spesso, lo può determinare anche la messa a punto di un’idea che punta a risolvere un’esigenza specifica che in molti trascurano, o risolvono in modo non eccellente. A mio parere è quello che ha fatto Yeedi con questa Mop Station 2 in 1, un robot aspirapolvere ma soprattutto lavapavimenti (con la L maiuscola! ndr), con delle chicche non comuni a tutti e che lo rendono un perla rara.

Ha però anche dei difetti, certamente e non è tutto oro quel che luccica. Facciamo una conta dei pro e dei contro, ma vi convincerò, ne sono certo.

Recensione Yeedi Mop Station 2 in 1

Design e Materiali

E se è vero che la prima impressione conta e ha il suo gran valore, allora questa Mop Station 2 in 1 di Yeedi mi ha proprio colpito: parlo in primis dei materiali, davvero sapientemente utilizzati e che non danno minimamente l’idea di un prodotto “da primo prezzo” (anche perchè, spoiler, non è economico!), ma anzi, appena tirate fuori il robot dalla sua scatola vi rendete conto, dal suo peso nettamente sopra la media, di essere di fronte ad un prodotto di un certo livello.

E’ sempre realizzato in plastica, certo, ma alcuni dettagli come la parte superiore in plastica con finiture in simil-vetro brillantinato vi danno tutt’altra impressione; la parte inferiore rimane in plastica ed è assente su questo modello il coperchio apribile dalla parte superiore. Il filtro e il cassetto dell’aspirazione della polvere sono nello stesso vano in cui è presente l’acqua per il lavaggio del pavimento (in misura di 200ml, al pari dei competitor).

Il robot, poi, possiede un sensore per il tracciamento del pavimento sulla parte inferiore ed uno per la mappatura della casa che sfrutta la tecnologia Visual SLAM: è assente, dunque, la classica torretta LIDAR che continuo a preferire di gran lunga vista la precisione decisamente più accurata e l’estrema velocità nella mappatura degli ambienti, che qui è un po’ carente.

Ed è proprio sotto il robot che c’è la prima magica apparizione: due tamponi rotanti installati (sembrano vagamente quelli che si trovano negli autolavaggi automatici, per certi versi) anzichè il solito panno statico che siamo soliti trovare su prodotti simili. La stazione di ricarica, poi, è l’altra chicca di questo nuovo robot di Yeedi.

Le sue dimensioni sono un piuttosto mastodontiche, circa 41cm di larghezza per 38cm di profondità e 43cm di altezza, ma nulle rispetto a quanto praticamente è in grado di offrire: al suo interno troviamo, infatti, due taniche da 3.5L utili per il lavaggio dei tamponi rotanti.

Sì, avete capito bene. Quando il robot torna nella sua base di ricarica quest’ultima avvia un processo di lavaggio delle spazzole evitandovi quella che, per me, è la rogna più grande nei robot lavapavimenti, cioè quella di sostituire il panno o comunque lavarlo con una certa frequenza, previo smontaggio e successivo rimontaggio, una bella gatta da pelare insomma. In tutto ciò, la stazione non funge da autosvuotamento per la polvere o acqua, e questo forse un po’ mi dispiace, a dirla tutta.

Sintesi del processo di lavaggio dei tamponi rotanti

Applicazione e Funzioni Avanzate

Come ho potuto notare nei modelli più economici dell’azienda, un punto a sfavore dei prodotti di Yeedi è l’app su smartphone. Sarò sincero: funziona bene, e possiede le principali funzioni presenti anche nelle app dei competitor, ma se si vuole cercare qualcosa “in più”, non c’è.

L’app si chiama Yeedi e la si trova gratuitamente sia su App Store che su Play Store; è localizzata in lingua italiana, non perfetta ma comprensibile, e vi garantisce le principali funzionalità del vostro robot. La prima configurazione è semplice e veloce, e in pochi minuti il robot è pronto per dar lustro alla vostra casa.

Come sui modelli più economici anche su questa Mop Station 2 in 1 il processo di mappatura è piuttosto lento: è necessario far passare il robot 3-4 volte sull’intera superficie della casa prima di avere una vera mappa del vostro ambiente, al fine di creare barriere virtuali, escludere zone a vostra scelta e via dicendo.

Ovviamente è possibile programmare lavaggi giornalieri, scegliere la potenza di aspirazione, il getto d’acqua oppure controllare lo stato d’usura di ogni singolo componente “a rischio” del Robot. L’app come succede praticamente con tutti i dispositivi più recenti, poi, è compatibile con Amazon Alexa e Google Assistant per poter avviare con la voce delle sessioni di pulizia.

Potenza di Aspirazione e Qualità del Lavaggio

Il robot aspirapolvere di Yeedi possiede un motore con capacità di aspirazione massima fino a 2500Pa (regolabile su 4 livelli differenti, da 200, 600, 1200 e 2500Pa), non tra i valori più alti in circolazione dal momento che modelli come il Dreame D9 raggiungono i 4000Pa; questo, forse, è uno dei pochi aspetti che non mi hanno convinto e soddisfatto a pieno.

La potenza di aspirazione non è, secondo me, allo stesso livello della qualità del lavaggio: certo, aspira praticamente tutto ma è necessario più di un passaggio (che a volte non fa, per mancanza di una mappatura super accurata) per poter pulire a fondo davvero tutto, motivo per cui i tamponi tendono a sporcarsi piuttosto velocemente.

Per quanto riguarda il processo di lavaggio, invece, il risultato è davvero eccezionale; i tamponi, infatti, oltre a ruotare esercitano una pressione pari a 10N sulla superficie e ciò garantisce una pulizia al pari di nessun altro robot attualmente in commercio, e a mani basse si prende un meritato primo posto sul podio (almeno sul mio podio personale!).

C’è però qualche “ma” nel robot di Yeedi; i tamponi, come anticipato, tendono a sporcarsi un po’ troppo velocemente e quindi ogni 20 minuti di pulizia circa, il robot torna alla Mop Station per effettuare il lavaggio dei tamponi prima di continuare le operazioni di lavaggio che, in una casa grande circa 90mq come la mia, possono durare anche oltre due ore. Ecco, forse i tempi di lavaggio non sono il punto più forte di questo prodotto.

La Mop Station poi, è la svolta in senso pratico: la più grande rogna dei robot lavapavimenti, almeno per quanto mi riguarda, è la pulizia del panno per il lavaggio del pavimento. Detto fatto. La Mop Station di Yeedi, infatti, provvede a lavare i tamponi rotanti del robot non appena sono sporchi del tutto in maniera automatica.

E’ presente nella stazione di lavaggio, infatti, un piccolo compressore che “soffia” acqua pulita sui tamponi per lavarli e “aspira” l’acqua sporca nell’apposita tanica: il processo è tecnicamente ben studiato, peccato solo per i tempi un po’ troppo lunghi e per la rumorosità un po’ fastidiosa, motivo per cui vi consiglio di posizionare la stazione in una posizione più defilata della vostra casa.

La fase di asciugatura dei tamponi, seppur abbastanza silenziosa, potrebbe durare persino qualche ora (e questo varia molto dalla tipologia di lavaggio che fate, se con molta acqua o con poca), ma questo lo fa ad operazioni di lavaggio concluse, quindi poco male (se non per il brusio di fondo).

Autonomia della Batteria

La batteria del robot di Yeedi è un’unità da 5200 mAh, valore in linea con gli altri robot in commercio; l’autonomia è piuttosto buona e sufficiente per il lavaggio anche di ambienti molto grandi, almeno fino a 120mq.

Nel dettaglio circa due ore e mezza, sufficienti per pulire circa 120-130mq, sono l’autonomia che ho potuto rilevare: in caso di batteria scarica il robot torna automaticamente alla stazione, per poi riprendere a pulire dopo due ore la parte rimanente di casa.

Recensione in 2 minuti!

La Yeedi Mop Station 2 in 1 è tra i prodotti di punta dell’azienda: grazie al risciacquo e all’asciugatura delle spazzole dopo il lavaggio si colloca tra i dispositivi più smart in questo senso.

In più i tamponi che esercitano una pressione fino a 10N sul pavimento vi garantiscono una pulizia profonda e accurata, anche sullo sporco più ostinato che, da sempre, è nemico dei robot aspirapolvere. Peccato per l’assenza del sensore LIDAR e l’aspirazione non al pari anche dei modelli più economici.

Prezzo e Considerazioni

Tasto dolente, più o meno, è il prezzo: 649€ su Amazon (ma è attivo uno sconto di 50€ per pagarlo quindi 599€). Certo è che la spesa non è poca, ma è vero che la resa è molta e ci sono altri prodotti decisamente più costosi che, forse, offrono anche meno.

Lo yeedi Mop Station 2 in 1 è un prodotto adatto a chi cerca il massimo dalle operazioni di lavaggio: peccato per la mancanza del sensore LIDAR, forse avrebbe davvero fatto la differenza.

⭐️ Amazon ha annunciato le date del Prime Day 2024 (16 e 17 luglio): scopri tutti i dettagli dell'evento più atteso dell'anno e come seguire con noi le offerte in tempo reale (per non perdere nemmeno un'occasione)!