OPPO rende la ricarica rapida VOOC più sicura e “intelligente”

oppo super vooc
Next Level Savings

Quando si parla di ricarica ultra rapida, il pensiero corre immediatamente verso la casa cinese, la quale ha investito tanto in questo tipo di tecnologia (anche prima di altri). Il nuovo evento OPPO Flash Charge Open Day ha svelato alcune novità relative alla sicurezza delle sue batterie, segno che la compagnia è non punta solo alla mera potenza, ma anche a migliorare le capacità delle attuali soluzioni.

OPPO Flash Charge Open Day: tutto sul nuovo evento dedicato ai miglioramenti della ricarica VOOC

oppo super vooc

Chi si aspettava l'annuncio del primo smartphone commerciale con tecnologia Super Flash Charge da 125W (annunciata lo scorso luglio, qui trovate i dettagli) resterà deluso. Lo stesso vale per chi puntava ad avere qualche dettagli in merito ad una soluzione ancora più potente, in grado di competere con Xiaomi. Ricordiamo infatti che la rivale ha raggiunto i 200W (con la tecnologia Hyper Charge) e non sarebbe del tutto irreale immaginare una soluzione simile anche da parte di OPPO. Purtroppo l'evento di oggi non ha potato novità in tal senso, ma tante migliorie ed ottimizzazioni per la tecnologia di ricarica VOOC.

oppo evento ricarica vooc

Per prima cosa OPPO ha migliorato la gestione dello spazio interno: abbiamo una batteria a doppia cella rinnovata, con due moduli racchiusi in uno spazio più ristretto ed unite da uno strato di materiale polimerico speciale. Lo spazio viene ridotto ma in termini di potenza e sicurezza i parametri restano gli stessi.

oppo evento ricarica vooc

OPPO ha introdotto un chip di rilevamento della sicurezza della batteria. Si tratta di un modulo in grado di riconoscere tensioni anomale ben prima che l'utente possa accorgersene, anche grazie al supporto di algoritmi AI dedicati; il chip riconosce ed elimina sbalzi di tensione ed è in grado di determinare l'eventuale danneggiamento della batteria.

oppo evento ricarica vooc

L'azienda cinese è intervenuta anche sul connettore della batteria: la solita soluzione costituita da fogli di alluminio è stata sostituita da una nuova versione con struttura “a sandwitch”, realizzata con un processo differente e utilizzando un nuovo tipo di materiale polimerico.

oppo evento ricarica vooc

Ovviamente OPPO ha dato ampio spazio all'AI, con novità per quanto riguarda la tecnologia di ricarica intelligente. Questa è in grado di rilevare e monitorare lo stato di carica e di regolare in modo smart e dinamico la corrente, in modo da massimizzarla. Il nuovo algoritmo AI si adatta a batterie di diverse capacità, a caricatori differenti e a molteplici stati di utilizzo della batteria. Lo scopo è quello di migliorare e regola in modo intelligente sia la velocità di ricarica che la durata della vita di una batteria.

Sono state annunciate altre migliorie “tecniche” e tra queste la più interessante è sicuramente l'applicazione del nitruro di gallio a bassa tensione nei circuiti interni di uno smartphone (nella sezione dedicata alla gestione della ricarica). Ciò significa utilizzare componenti più piccole ed avere un maggior spazio, oltre che consumi ottimizzati ed un miglioramento nella gestione delle temperature.

A dispetto di tutte queste novità, OPPO non ha annunciato dettagli sul primo smartphone con ricarica da 125W: di certo l'azienda si è presa del tempo per perfezionare la sua ricarica ultra rapida ma comunque dei report precedenti vedevano il 2021 come il momento perfetto per lanciare questa novità (vale per OPPO ma anche per Realme e OnePlus). Sarà davvero così? Dita incrociate!

⭐️ Segui e supporta GizChina su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti .