Huawei e Goodix citate in giudizio da una piccola azienda inglese

huawei goodix violazione brevetto

Abbiamo imparato negli anni a conoscere le tecnologie implementate dai vari produttori di smartphone e che hanno cambiato gradualmente l'esperienza d'uso di tutti. Ma non sempre i colossi sono padroni di un brevetto che portano sui dispositivi e a volte può capitare che qualcuno possa reclamare la paternità di quest'ultimo, come successo a Huawei e Goodix citate in giudizio per violazione da una piccola azienda inglese.

Huawei: la violazione di brevetto riguarda l'impronta digitale di Goodix

huawei goodix impronta digitale violazione

Come molti sanno, Goodix è il più grande sviluppatore cinese di sensori di impronte digitali per smartphone. Huawei è invece uno dei clienti più forti del brand, non ultimo il Mate 40 Pro utilizza proprio un sensore della compagnia di Shenzhen. Ebbene la WaveTouch, come riporta il FinancialTimes, avrebbe citato in giudizio i due giganti del tech al tribunale di Dusseldorf proprio perché il sistema utilizzato per migliorare la precisione dello sblocco viene da un brevetto sviluppato proprio dalla società inglese.

Ma Huawei, materialmente, cosa c'entra? Essendo uno dei principali clienti di Goodix, molti sensori con la tecnologia di WaveTouch sono finiti sui suoi smartphone nonché top gamma, quindi si trova praticamente su milioni e milioni di dispositivi. Le due aziende cinesi, come prevedibile, non hanno commentato l'accaduto ma avranno fino a fine marzo 2021 per presentare reclamo.

Ecco le parole del fondatore di WaveTouch: “Sono sempre stato molto favorevole a stabilire una stretta e buona relazione transfrontaliera tra Europa e Cina poiché penso che il mix di background e culture differenti possa creare soluzioni innovative e idee. Oggi, la maggior parte dei dipendenti di WaveTouch è impiegata nella nostra filiale con sede a Shenzhen e in questa luce mi rattrista ancora di più vedere questo tipo di comportamento che non rispetta i diritti di proprietà intellettuale“.

I risvolti di questa vicenda sono ignoti, certo, ma ci aspettiamo che qualcosa possa essere corrisposto alla piccola compagnia che probabilmente spera in una svolta commerciale.

⭐️ Segui e supporta GizChina su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti .