Come registrare chiamate su Xiaomi, OnePlus, OPPO, Huawei, ecc.

come registrare chiamate xiaomi oppo oneplus huawei honor
OnePlus Nord N10

Anche voi state cercando quale sia il miglior metodo su come registrare le chiamate sugli smartphone Android? È una richiesta che riceviamo spesso dai nostri lettori, per questo abbiamo deciso di proporvi una guida in merito. È sempre un argomento delicato: dal 2018 Google ha deciso di bloccare la registrazione delle telefonate nella propria app, anche se in Italia ciò è reso possibile dalla legge. Inoltre, quasi tutti i produttori si sono adeguati a questa direttiva, eliminando questa funzionalità dalle rispettive app telefoniche. Proprio per questo vi vogliamo proporre un metodo alternativo e totalmente gratuito.

Ecco come registrare chiamate su qualsiasi smartphone Android, Xiaomi, OnePlus, OPPO o Huawei che sia

È legale registrare le chiamate?

Dipende dall'area geografica in cui ci si trova, ma è importante sapere che in Italia la registrazione delle chiamate è perfettamente legale. La legge italiana non prevede limitazioni di alcun tipo per la registrazione in sé, mentre è decisamente illegale la relativa pubblicazione o condivisione in rete o con i propri contatti. Forse non lo sapete, ma una registrazione telefonica può anche essere utilizzata come prova giuridica. Potreste trovarvi in una situazione in cui sia necessario far valere un proprio diritto e, in questo caso, una telefonata registrata potrebbe esservi non di poco aiuto, avendo valore legale. Sappiate anche che la registrazione è permessa dalla legge anche se il proprio interlocutore è all'insaputa che essa sta avvenendo. Un concetto che è stato ribadito più volte anche in Cassazione, pertanto sarete coperti dalla legge.

Ecco come effettuare la registrazione di telefonate su Android

Fatta questa doverosa premessa e considerato che l'app di Google non permette questa possibilità, è necessario munirsi di un'app di terze parti. Una delle più apprezzate e funzionali è Cube ACR: l'app di per sé è gratuita, c'è una versione Premium che sblocca qualche funzionalità aggiuntiva ma potete farne tranquillamente a meno. Inoltre, la registrazione funziona anche su app come WhatsApp, Skype e così via, perciò risulta ancora più utile.

  1. Scaricate Cube ACR dal Google Play Store
  2. Concedete i permessi richiesti (Telefono, Microfono, Contatti e Memoria)
  3. Abilita la sovrapposizione per mostrare il widget necessario durante le chiamate
  4. Abilitate App Connector per identificare il numero del chiamante ed abbinarlo alla registrazione
  5. Disabilitate le chiamate Wi-Fi che potrebbero interferire con le registrazioni
  6. Disabilitate il risparmio energetico per consentirgli il funzionamento in background
  7. (Facoltativo) Scegliete se abilitare o meno il geo-tagging

A questo punto siete pronti per utilizzare Cube ACR per registrare le chiamate sul vostro smartphone Android. Nel momento in cui farete o riceverete una telefonata, sullo schermo apparirà questo widget:

Voi non dovrete fare nulla: la registrazione parte in automatico quando si avvia la telefonata e si conclude quando finisca (potete anche interromperla voi quando volete cliccando sull'icona a sinistra). I file audio li trovate cliccando sulle tre linee in alto a sinistra e selezionando la voce “Cronologia“. Durante una chiamata, cliccando sull'icona centrale potete disabilitare la registrazione automatico per il numero con cui state parlando in quel momento. L'icona più a destra, invece, potete tenerla premuta per spostare il widget dove più preferite.

Nelle impostazioni dell'app avete altre features utili, come la regolazione del volume delle telefonate, il ritardo di avvio, il Tema Scuro, i contatti da escludere e così via.

Per rimanere su un argomento simile, vi consigliamo la nostra guida su come bloccare chiamate e messaggi spam.

⭐️ Segui e supporta GizChina su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti .
AnyCubic