Xiaomi cresce anche in Germania, nonostante il calo delle vendite di smartphone

xiaomi

Sono passati diversi mesi dallo scoppio della pandemia di Coronavirus (Covid-19) in tutto il mondo. Questo ha provocato uno scombussolamento del mercato quasi senza precedenti, con perdite record in tanti settori. Tra questi, dunque, ha pagato qualcosa anche il settore degli smartphone, che in Germania, ad esempio, ha subito un calo del 27% nel Q2 del 2020. Sembra, però, che nonostante tutto le cose non siano andate poi così male per Xiaomi, che incredibilmente ha continuato a crescere.

Calo del 15% nelle vendite, rispetto allo stesso periodo del 2019

mercato smartphone

Non sono affatto confortanti i dati che ci giungono dalla Germania. Counterpoint Research ha messo a punto, infatti, una ricerca nella quale ha evidenziato i danni economici causati dal Coronavirus in merito al settore degli smartphone. Una delle nazione ad averne pagato di più le conseguenze, dunque, è la Germania, che ha fatto registrare un calo nelle vendite del 27% rispetto all'anno passato. Nello stesso periodo del 2019, quindi nel Q2, il calo è del 15%.

LEGGI ANCHE:
MIUI 13: ecco quando Xiaomi potrebbe annunciarla

mercato smartphone

Tra tutti i brand presenti nel Paese, Xiaomi è quello che ha fatto registrare la crescita più importante. Nel Q2 2020 l'azienda si è presa il 5% della quota di mercato totale, dominata da Samsung, con un aumento delle vendite pari al 250% rispetto al 2019. Si tratta della crescita più elevata, che non ha interessato anche altri produttori. Samsung, infatti, si è limitata a mantenere la propria quota di mercato, seguita da Apple e Huawei.

⭐️ Segui e supporta GizChina su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti .