OPPO Glass: i primi occhiali AR arriveranno in Europa

oppo glass

Specialmente da quando Huawei è in crisi, OPPO vuole capitalizzare sul momento di defiance dell'azienda rivale per crescere in occidente. L'obiettivo principale è quello di salire nello share nel mercato degli smartphone, ma nelle mire dell'azienda ci sono anche altri settori. Per esempio indossabili e cuffie, con il lancio nel nostro continente di OPPO Watch e delle Enco, e le smart TV, con il primo modello che è dietro l'angolo. Guardando più su lungo raggio, invece, ci sono gli OPPO Glass, gli occhiali in realtà aumentata che sono stati da poco brevettati in Europa.

LEGGI ANCHE:
ColorOS 8: tutte le novità di OPPO in questi screenshot

Brevettati in Europa gli OPPO Glass: in arrivo assieme alle smart TV?

Annunciati a fine 2019, era stato confermato che gli OPPO Glass avrebbero fatto il loro debutto entro un anno e così pare che sarà. Gli occhiali in realtà aumentata si prospettano uno dei prossimi trend del mondo tecnologico. Ad essere pignoli esistono già da alcuni anni, ma finora nessun'azienda è mai riuscita a portarli sul mercato consumer. Pensiamo ad esempio ai Microsoft Hololens, rimasti confinati ad un pubblico aziendale, mentre la proposta di OPPO potrebbe ampliare i contesti di utilizzo ad un ambito più multimediale.

oppo ar glasses

A livello estetico, gli OPPO Glass sono una fusione fra degli occhiali da sole ed un visore VR, non occludendo completamente la vista ma avendo comunque una struttura non estremamente compatta. Questo perché deve ospitare un comparto tecnico formato da due fotocamere fish-eye ed un sensore ToF per la misurazione della profondità. Rispetto agli Hololens, OPPO è riuscita ad ottenere una struttura meno invasiva, grazie alla tecnologia con guida d'onda ottica. Si menziona anche la tecnologia 3D Surround Sound, lasciando presupporre una propagazione sonora che avvolga l'utente.

oppo glass

Il brevetto depositato presso l'EUIPO dalla Spagna fa intuire che gli OPPO Glass faranno parte dell'espansione europea da parte della società con base in Cina. Probabilmente ne risentiremo parlare nei prossimi mesi, nella speranza che vengano effettivamente commercializzati nel nostro continente e ad un prezzo non spropositato.

⭐️ Segui e supporta GizChina su Google News: clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti .