Huawei: nonostante gli avvertimenti degli USA, Vodafone e BT spingono il Regno Unito verso il 5G del brand cinese

huawei logo

Da un alto sembra che la situazione fra Stati Uniti e Cina sia destinata a migliorare, dall'altra parte però le cose stanno diversamente. Stando alle ultime informazioni comparse in rete, si direbbe che al momento la questione del ban di Huawei sia stata messa da parte. Sono altre le questioni che, al momento, preoccupano il governo statunitense. Pare, in ogni caso, che Trump abbia messo in guardia la Gran Bretagna in questi giorni, proprio in merito all'infrastruttura 5G di proprietà di Huawei.

Aggiornamento 20/01: stando alle ultime informazioni a riguardo, Vodafone e BT hanno intenzione di supportare Huawei per l'installazione dell'infrastruttura 5G in Gran Bretagna. Queste due aziende, infatti, stanno preparando una lettera da inviare al Primo Ministro per fare pressioni in merito a tale questione, affermando che un divieto nei confronti di Huawei potrebbe bloccare la crescita dell'economia digitale del Paese. Da parte sua, il governo, dovrebbe prendere una decisione entro la fine di questo mese.

Il Regno Unito valuta di sfruttare la rete 5G di Huawei, ma solo in determinate aree

donald trump huawei

Sembra che da parte del governo britannico ci sia la volontà di ammodernare la propria rete internet. Questa nazione, infatti, avrebbe valutato diverse aziende per la costruzione dell'infrastruttura 5G, tra cui anche Huawei. Si tratta, infatti, di uno dei colossi delle telecomunicazioni, che è molto più avanti rispetto ad altri concorrenti in tale ambito. Gli Stati Uniti, però, non vogliono che tale Paese utilizzi le antenne della società cinese.

LEGGI ANCHE:
Xiaomi e Tencent accusate di raccolta dati illegale… dalla Cina

Nonostante i divieti, comunque, pare che la Gran Bretagna sia intenzionata a scegliere Huawei, costruendo l'infrastruttuta magari fuori dai centri nevralgici della nazione. Questo andrebbe a salvaguardare la sicurezza nazionale, senza mettere a repentaglio alcun dato sensibile. Vedremo come si evoleverà, dunque, tale questione nei prossimi mesi.


📱Segui GizChina su Google News,  clicca sulla stellina per inserirci nei preferiti ⭐️.