Huawei cambia idea: “Il ban USA ci ha aiutati molto”

huawei ren zhengfei

Huawei sta cercando di far riacquistare la fiducia agli USA ed anche il governo americano sta tentando un riavvicinamento. Ma la strada da fare è ancora tanta, anche perché rimpiazzare i servizi Google è un'impresa ardua, come affermato dallo stesso vice presidente. Ma la positività è tutto, anche in situazioni negative come questa, come dimostrano le ultime affermazioni del fondatore Ren Zhengfei. Anche perché gli incassi aziendali sono cresciuti, a dispetto del ban da parte delle istituzioni statunitensi.

LEGGI ANCHE:
Huawei Mate X: in Cina costerà fino a 1000€ in meno

Huawei vede il bicchiere mezzo pieno quando si parla di ban USA

Non fa strano, quindi, che il CEO affermi che “il ban USA ha aiutato in positivo l'azienda“. E come, verrebbe da chiedersi? Ce lo dice sempre Ren, secondo cui lo spauracchio di una brusca decrescita ha spinto la forza lavoro a sforzarsi di più. Una spinta maggiore che ha portato ad introiti maggiorati, come testimoniano gli ultimi dati finanziari, con un +24.4% durante i primi tre quarti del 2019.

Anche se è in atto una proroga da diversi mesi, Huawei è praticamente ostracizzata dal mercato americano. Questo la società lo sa e lo stesso Ren Zhengfei ha affermato come siano consci che il ban potrebbe rimanere per sempre. È anche vero che in Europa la storia è diversa, con diverse nazioni che stanno stringendo accordi con la compagnia cinese.


Non perdere alcuna notizia in tempo reale e le migliori offerte dedicate a Huawei nel canale Telegram dedicato!