Huawei e Xiaomi guidano il mercato dei wearable nel Q2 2019

Huawei e Xiaomi to wearable

Attualmente i brand impegnati nello sviluppo di nuovi wearable sono davvero tanti. Nell'ultimo periodo, infatti, abbiamo assistito all'ascesa di un'azienda come Huami, che grazie al marchio Amazfit riesce a raggiungere una quota di mercato considerevole. Altri brand, però non restano certo a guardare e ormai, già da diversi anni, si sono affermati in tale campo. Tra questi troviamo sicuramente Huawei e Xiaomi che, secondo gli ultimi dati, guidano la classifica delle vendite in ambito wearable.

Mi band 4 e Huawei Band 3 tracciano la via del successo

Huawei e Xiaomi to wearable

Sembra che il mercato dei dispositivi indossabili non conosca quasi rivali. Huawei e Xiaomi, infatti, pare che abbiano conquistato una fetta importante di mercato, tenendo dietro di sé colossi come Apple. Nonostante queste aziende siano comunque grandi, e possano vantare un fatturato di tutto rispetto, propongono delle soluzioni più economiche rispetto ad altri brand. Con la nuova Mi Band 4, ad esempio, Xiaomi chiede non più di 35 euro, anche in Italia. Si tratta ovviamente di una cifra che, dal punto di vista del rapporto qualità-prezzo, non ha quasi rivali.

Stando ai dati emersi dal rapporto di IDC, nel corso del Q2 del 2019, Xiaomi ha conquistato una quota di mercato del 22,9%, soprattutto grazie a prodotti come la già citata Mi Band 4 e le Redmi AirDots. Dall'altro lato, invece, Huawei si attesta al secondo posto con una quota del 22%, comunque considerevole. Tutti i nuovi prodotti indossabili sviluppati dal brand cinese hanno avuto, infatti, un forte impatto sulle vendite.

Non resta che attendere la fine dell'anno per capire come si sia mosso il mercato in questo settore. Voi cosa ne pensate a riguardo? Possedete qualche wearable di queste due aziende? Affrontate con noi la questione, lasciando un commento qui sotto.


Discuti con noi dell'articolo e di Xiaomi nei gruppi TelegramFacebook  dedicati!