Huawei vuole vendere le tecnologie 5G ai propri rivali

huawei 5g

Potrebbe sembrare un piano suicida o quasi, quello di Huawei del voler vendere le proprie tecnologie 5G ai rivali. Ma in realtà le affermazioni di Ren Zhengfei consoliderebbero la volontà dell'azienda di riabilitarsi agli occhi dell'occidente. Anziché voler primeggiare a tutti i costi, sarebbe disposta a condividere i propri traguardi nel settore della connettività. A seguito del ban USA, si è accesa la discussione legata al vincolo che i paesi dell'ovest hanno tutt'oggi nei confronti della società cinese. L'avanzamento tecnologico che ha permesso di renderla leader nel 5G preoccupa, per quanto quasi indispensabile su scala globale.

LEGGI ANCHE:
Huawei Mate 30 Pro: nuova foto dal vivo con display Waterfall

Quando si parla di 5G, Huawei non ha paura dei rivali, anzi

Chiaramente nulla si fa gratis: le aziende potrebbero usufruire dei brevetti 5G di proprietà di Huawei dietro un pagamento una tantum. Così facendo, non soltanto l'azienda potrebbe usufruirne, ma anche contribuire alla modifica dei codici sorgente, rendendosi così più indipendenti dal progetto originale. In modo così da allontanare possibili voci che vedano in Huawei la volontà di manovrare dall'interno i competitors.

Paradossalmente la compagnia andrebbe così a crearsi dei rivali ancora più competitivi con cui giocare alla pari, preferendo “una distribuzione equilibrata che favorisca la sopravvivenza di Huawei“. Un intento per certi versi nobile ma che sembra quasi costretto, in modo da poter tornare a commerciare senza problemi anche fuori dall'Asia.


Non perdere alcuna notizia in tempo reale e le migliori offerte dedicate a Huawei nel canale Telegram dedicato!