Della tripla fotocamera che contraddistinguerà Xiaomi Mi 9 si è già parlato più volte durante la scorsa giornata. La stessa Xiaomi si è espressa in merito, confermando la presenza di un sensore da 48 mega-pixel e relative funzionalità. Ma un dettaglio di cui non si è parlato ma che rappresenta un cambiamento non indifferente rispetto ai precedenti modelli è l'introduzione dell'autofocus ibrido.

LEGGI ANCHE:
Xiaomi Mi 9 Explorer esiste davvero ed è “lo smartphone più potente al mondo”

L'autofocus ibrido debutterà a bordo del prossimo Xiaomi Mi 9

Come mostrato da questo insider su Twitter, schiarendo la foto del retro di Xiaomi Mi 9 si può notare questo particolare. Fra il primo secondo dall'alto e il secondo, infatti, si possono scorgere due pallini neri, i quali altri non sono che i sensori dell'autofocus laser. Fino ad ora i top di gamma (e non solo) targati Xiaomi hanno sempre avuto una messa a fuoco di tipo PDAF e, nei casi più recenti, Dual Pixel.

Ma che cosa cambia fra questo tipo di tecnologie? Quando si parla di autofocus PDAF si fa riferimento ad una messa a fuoco più software che hardware. Una piccola percentuale dei pixel viene sfruttata per carpire l'immagine e mettere a fuoco il soggetto inquadrato. Il vantaggio principale di questa opzione è la buona resa in foto e video con soggetti in movimento. Con l'autofocus Dual Pixel, invece, tutti i pixel vengono sfruttati per la messa a fuoco, con risultati migliori sia in termini di precisione che velocità. Ma la sua mancanza è dettata dall'utilizzo di un sensore Sony IMX586, il quale non supporta tale feature.

Infine, l'autofocus laser utilizza una componente hardware a sé stante (quei pallini neri), ovvero un emettitore ed un ricevitore. Un fascio laser viene proiettato e, sulla base di quanto tempo ci mette a tornare indietro, viene calcolata la messa a fuoco. Si tratta della tecnologia più veloce, nonché più affidabile con poca luce. Tuttavia, può avere qualche mancanza rispetto a quella Dual Pixel sui soggetti molto distanti (un panorama, per esempio). Per compensare questo aspetto viene in aiuto la tecnologia di autofocus ibrido, ovvero l'unione fra PDAF e laser.


Discuti con noi dell'articolo e di Xiaomi nei gruppi TelegramFacebook  dedicati!