Xiaomi annuncia un nuovo sensore nel display: risolverà i problemi riscontrati sui modelli attuali

xiaomi fingerprint ID

Ormai da diversi anni, i più grandi produttori di smartphone cercano di far aderire ai propri device le esigenze di gran parte dell'utenza. Uno dei punti cardine sui quali saranno fondati gli smartphone di prossima generazione (così come molti top di gamma 2018) sarà il sensore di impronte digitali nel display.

Nonostante gran parte dell'utenza abbia accolto in maniera positiva la novità, in molti hanno riscontrato problemi di utilizzo quotidiano, tanto da preferire a quest'ultimo sblocchi alternativi. Così Xiaomi potrebbe avere la soluzione ai due problemi più ingenti riguardo l'uso dello screen unlock.

Xiaomi pronta a ridisegnare l'utilizzo del sensore d'impronte nel display

Xiaomi fingerprint ID 1

Con il sensore sotto il display di nuova generazione, Xiaomi potrebbe così sopperire alle attuali carenze. Alcuni tra i problemi più riscontrati riguardano proprio la rapidità e la precisione; non di rado gli utenti devono effettuare più tentativi prima di sbloccare il telefono. Con la nuova tecnologia di casa Xiaomi, gli utenti avranno invece a disposizione un'area più ampia dove effettuare lo sblocco e, il sensore dovrebbe guadagnare anche in termini di rapidità.

LEGGI ANCHE: Il nuovo chip Xiaomi Surge S2 è in lavorazione: cosa aspettarsi

Tuttavia non sono ancora conosciuti i tempi, non sappiamo infatti se la nuova tecnologia sarà utilizzata già a partire dal prossimo flagship, o si dovrà attendere diversi mesi. Nel frattempo, crescono i rumors relativi a Xiaomi Mi 9, quello che sarà senza dubbio il prossimo top di gamma della società cinese e che con ogni probabilità potrebbe essere svelato al MWC 2019.


Discuti con noi dell'articolo e di Xiaomi nei gruppi TelegramFacebook  dedicati!

Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.