Questo inizio 2019 non si sta rivelando un gran periodo per i produttori di smartphone. Dopo Apple e Samsung, anche le azioni di Xiaomi sono state colpite non poco, con un calo in borsa del -39%. Un calo che ha preoccupato non poco gli investitori, dato che negli scorsi giorni la compravendita delle azioni era stata volutamente bloccata. E dopo aver perso circa 14 miliardi di dollari in valore di mercato, Xiaomi ha adesso riaperto le trattative.

LEGGI ANCHE:
HiSense U30 ufficiale: lanciato il rivale di Honor View 20 | CES 2019

Le azioni di Xiaomi vanno giù nelle quotazioni in borsa

azioni xiaomi calo borsa

Sin dal debutto nella borsa di Hong Kong, le cose per Xiaomi non sono andate propriamente bene. I primi giorni non raggiunsero i risultati sperati, con le azioni che sono calate per poi riprendersi e, nei mesi successivi, calare di nuovo fino ad oggi. A parte per il mese di luglio 2018, il valore in borsa di Xiaomi è sempre andato calando, come mostrato nel grafico qua sopra. Lo stesso fondatore Lei Jun si è dimostrato molto contrario all'ingresso nel mondo finanziario da parte di Xiaomi, come spiegato in questi retroscena.

Secondo quanto riportato da Bloomber, più di 3 miliardi di azioni sono state adesso sbloccate, ovvero il 19% di quelle presenti in circolo. E stando alle valutazioni degli analisti, il valore dovrebbe raggiungere 16.72 dollari entro il 2020. Nel frattempo il periodo di blocco per gli azionisti di controllo (fra cui anche Lei Jun) è stato prolungato per altri 365 giorni. Questo per evitare manovre pericolose che potrebbero danneggiare i molti investitori, fra cui nomi del calibro di Qualcomm e China Mobile.


Discuti con noi dell'articolo e di Xiaomi nei gruppi TelegramFacebook  dedicati!