Huawei: primi rumors su Kirin 1020 e Kirin 820

kirin logo

Che Huawei abbia in programma un Kirin 1020 che i primi rumors hanno definito come “eccezionale” non lo scopriamo oggi. Ma a quelle indiscrezioni oggi si aggiungono dettagli più specifici su quelle che saranno le specifiche che lo caratterizzeranno. E non solo del chipset di punta, ma anche del Kirin 820, quello che potremmo definire lo Snapdragon 765 di HiSilicon.

Aggiornamento 03/01: spuntano nuovi dettagli sul Kirin 820: li trovate in fondo all'articolo.

LEGGI ANCHE:
Il CEO di Huawei afferma: “Rischiammo di fallire con i telefoni”

Kirin 1020 e Kirin 820: ecco i primi dettagli sui futuri SoC Huawei

Come indica la numerazione adottata, il Kirin 1020 sarà il successore diretto dell'attuale Kirin 990. Innanzitutto l'inedito processo produttivo a 5 nm prenderà il posto di quello attuale a 7 nm. Ciò che ne conseguirebbe è un aumento prestazionale non indifferente, visto che si parla di un boost del 50% circa. Al suo interno prenderebbe posto una CPU potenziata con core ARM Cortex-A77, una novità introdotta da MediaTek con il suo Dimensity 1000.

Per vederlo all'opera bisognerà attendere metà 2020, dato che la serie Huawei P40 si muoverà ancora sulla piattaforma 990. Sarà con altissima probabilità Huawei Mate 40 ad introdurre tale novità, forse in concomitanza con il periodo di IFA 2020, come da tradizione. Ovviamente non mancherà il supporto al 5G, visto che del Kirin 1020 non sarà disponibile una versione soltanto 4G. Ciò significa che da Mate 40 tutti i top di gamma Huawei saranno 5G Ready, ma non avevamo dubbi a riguardo.

Per quanto riguarda il Kirin 820, i dettagli sono meno, se non che anch'esso avrà un modem 5G, il ché significa supporto anche sui modelli di fascia medio/alta.

Aggiornamento 13/12

Le ultime notizie sulla Kirin 1020 ne parlano con nome in codice “Baltimore“, vista la tradizione di usare nomi di città per i chipset in lavorazione. Parlando di CPU, ci viene fatto sapere che il SoC userà i più moderni core Cortex-A78, anziché i Cortex-A77 come menzionato in precedenza. Rispetto ai Cortex-A76 del Kirin 990, il nuovo chipset potrebbe spingersi fino ad un +50% nelle performance offerte.

Aggiornamento 03/01

Secondo le ultime indiscrezioni, il Kirin 820 sarà realizzato con processo produttivo Samsung a 6 nm, con un miglioramento generazionale nella densità hardware del 18%. Ciò avvicinerà le prestazioni del SoC a quelle della controparte Qualcomm e MediaTek. Questo grazie anche ad una CPU che si baserà su architettura ARM Cortex-A77, oltre alla presenza di un modem 5G con supporto SA+NSA. I primi smartphone con cui potrebbe arrivare sarebbero Huawei Nova 7 ed Honor 10X.


Non perdere alcuna notizia in tempo reale e le migliori offerte dedicate a Huawei nel canale Telegram dedicato!