A seguito della progressiva sparizione dell'ingresso mini-jack dagli smartphone, il mercato delle cuffie true wireless è cresciuto esponenzialmente. E dopo il recente lancio delle AirDots, le Xiaomi Mi True Wireless Earphones si preparano a debuttare come le “vere rivali” delle AirPods. Le somiglianze con gli auricolari targati Apple sono piuttosto pronunciate, per quanto non siamo di fronte ad un vero e proprio clone (per fortuna).

LEGGI ANCHE:
Xiaomi Mi TV 4S: nuovo modello da 75″ 4K con HDR

Xiaomi Mi True Wireless Earphones saranno le vere rivali delle AirPods

La prima differenza marcata fra AirPods e Xiaomi Mi True Wireless Earphones è che, al contrario delle nuove Honor FlyPods, le cuffie Xiaomi si presentano con un design in-ear (con 3 paia di gommini), così come visto con le TicPods Free o anche le Huawei FreeBuds. Grazie alla documentazione dell'ente FCC, infatti, possiamo vedere in tutto e per tutto come saranno i nuovi auricolari del brand cinese. Non dovrebbero mancare i controlli touch tramite la superficie circolare che vedete nelle foto.

Come ci suggeriscono le immagini, le cuffie avranno quello che sembra a tutti gli effetti un sensore di prossimità, con cui mettere in Pausa/Play la riproduzione a seconda se le si indossi o meno. Gli schemi tecnici, poi, specificano che le chiamate saranno gestite dal microfono integrato nell'estremità inferiore, il quale sarà coadiuvato da un secondo microfono per la cancellazione dei rumori ambientali.

xiaomi mi true wireless earphones

Per quanta riguarda il case, come forme e colore sarà molto simile a quello delle AirPods. Nella parte inferiore vediamo la porta USB Type-C con cui ricaricarlo, mentre sul lato, oltre al LED di stato, c'è un tasto funzione, probabilmente da utilizzare per avviare il pairing via Bluetooth 4.2. L'autonomia dovrebbe attestarsi sulle 3 ore con la custodia che contribuirebbe ad ulteriori 10 ore. La data di presentazione delle Xiaomi Mi True Wireless Earphones è prevista per l'8 dicembre, in occasione di un evento che si terrà negli USA.


Discuti con noi dell'articolo e di Xiaomi nei gruppi TelegramFacebook  dedicati!