Dopo brand conosciuti come LeEco e ZUK, un altro nome, meno conosciuto qua in Europa, potrebbe presto salutarci. Stiamo parlando di Gionee, il cui presidente Liu Lirong potrebbe aver compromesso irreparabilmente le sorti dell'azienda. Come riportano i media asiatici, egli avrebbe attinto dalle finanze di Gionee per giocare d'azzardo, con le ovvie conseguenze.

LEGGI ANCHE:
POCOPHONE F1: la versione in Kevlar è in arrivo in Europa

Il presidente di Gionee perde al casinò e rischia di far chiudere l'azienda

gionee logo

Che Gionee non fosse messa benissimo era già sotto gli occhi di tutti a partire da inizio 2018. A febbraio furono congelati azioni finanziarie e conti della società, sempre a causa delle “passioni” del presidente Lirong. Già all'epoca, infatti, egli fu accusato di aver maturato grossi debiti a causa del gioco d'azzardo. Ciò che ne comportò furono massicci licenziamenti del personale, ma adesso la situazione potrebbe aver raggiunto un punto di non ritorno.

Secondo le prime indiscrezioni, la cifra che il presidente di Gionee avrebbe perso sarebbe di addirittura 10 miliardi di yuan, circa 1.4 miliardi di dollari, giocando d'azzardo presso il casinò di Saipan. Tuttavia, lo stesso Lirong ha “smentito” la notizia al Securities Time, affermando di aver perso “soltanto” 1 miliardo di yuan, circa 144 milioni di dollari. Egli ha poi specificato che si tratterebbe non di soldi rubati, ma di “fondi della società in prestito“.

Gionee Global Product Launch Event – Winter 2017_05_Brand Ambassador Liu Tao

Ecco, quindi, che adesso Gionee si ritroverebbe sull'orlo della bancarotta: visti i mancati pagamenti, il 20 novembre 20 fra i fornitori della società, i quali non sono stati pagati negli scorsi mesi, hanno presentato una richiesta di riorganizzazione fallimentare presso lo Shenzhen Intermediate People's Court. Una brutta situazione, insomma, con lo stesso Liu Lirong che potrebbe aver messo la parola “fine” alla storia di Gionee.

Una Gionee che, dopo non essere riuscita ad imporsi nel mercato cinese, aveva raggiunto buoni risultati in India, ottenendo il 4.6% del market share indiano. Ma già nel Q2 2018 competitors come Lenovo, Micromax e Sony hanno preso terreno, ridimensionandone le aspettative.


Non perdere alcuna notizia, offerta o recensione pubblicata sul nostro sito! Seguici sui social per rimanere sempre aggiornato in tempo reale grazie ai:

 Canale Offerte Canale NewsGruppo TelegramPagina Facebook, Canale YouTube e il Forum.