OnePlus raccoglie una grande quantità di dati personali: ecco come impedirlo

OnePlus logo

Stando a quanto riportato da Christopher Moore, ingegnere informatico e proprietario di un blog che si occupare di cybersicurezza, OnePlus invierebbe una grande quantità di dati personali ad un server del brand cinese, localizzato su Amazon AWS (il servizio di cloud computing del colosso dell'e-commerce).

OnePlus raccoglie una grande quantità di dati personali: ecco come impedirlo

OnePlus logo

Analizzando il traffico in entrata e in uscita dal suo dispositivo, Moore ha notato un'insolita quantità di richieste da parte del servizio open.oneplus.net e, approfondendo la cosa, è riuscito a risalire sia al “luogo” di destinazione di questo traffico in uscita, sia al tipo di dati trasmessi.

Ti potrebbe interessare:

Recensione OnePlus 5: non sarà un flagship killer, ma…

Si tratterebbe di informazioni riservate relative al device, inviando una segnalazione al server ogniqualvolta lo smartphone viene sbloccato o bloccato, oppure quando si verifica un riavvio. Ma la cosa non finirebbe qui; tra i dati inviati si troverebbero anche il numero di serie e l'IMEI del device, il numero telefonico, il nome della rete mobile, i prefissi IMSI e gli indirizzi MAC, le informazioni sulle connessioni Wi-Fi. Insomma, una vera e propria carrellata di informazioni personali.

OnePlus risponde in merito ai dati personali raccolti

La risposta da parte di OnePlus non si è fatta attendere. L'azienda cinese ha rilasciato una breve dichiarazione in cui ha spiegato di raccogliere due flussi diversi di dati. Il primo è l'analisi di utilizzo del software, che può essere disattivato manualmente dall'utente; basta recarsi nel menù Avanzate presente nelle Impostazioni e disattivare Iscriviti allo User Experience Program.

oneplus-screen-disattivare-user-experience-program

Per quanto riguarda il secondo flusso, questo riguarda “tutte” le informazioni del dispositivo e verrebbero raccolte per fornire un migliore supporto post-vendita. La comunicazione terminerebbe qui, lasciando trasparire che OnePlus non abbia intenzione di interrompere la cosa. Per chi volesse, un intraprendente utente di Twitter ha trovato il modo di chiudere la questione una volta per tutte.

OnePlus Device Manager può essere disattivato

OnePlus Device Manager, il servizio colpevole di raccogliere i preziosi dati, può essere disattivato dagli utenti, anche senza avere i permessi di root.

Basterà collegare lo smartphone ad un PC con ADB installato, abilitare il Debug USB e lanciare il seguente comando:

pm uninstall -k –user 0

net.oneplus.odm

In questo modo è possibile disattivare il Device Manager ma vi facciamo notare che la cosa potrebbe anche compromettere altre funzionalità del sistema. Quindi, se proprio siete intenzionati a disattivare il servizio, tenete bene a mente questa cosa e procedete a vostro rischio e pericolo; non ci riteniamo responsabili di eventuali danni arrecati dal suddetto procedimento.


Discuti con noi dell'articolo e di OnePlus nei gruppi TelegramFacebook (OP6 e OP7 e OP7 Pro) dedicati! E non perderti nessuna notizia e offerte in tempo reale seguendo il canale  Telegram!

[su_app]