I migliori smartphone cinesi tra i 200 e 300 euro! [Ottobre 2016]

Zuk
Smart Life

Eccoci al terzo appuntamento del mese, in cui vi parleremo dei migliori smartphone cinesi della fascia media del mercato tra i 200 e 300 euro.

Nell’ultimo periodo non ci sono state grosse novità, se non un calo di prezzo di alcuni dispositivi di fascia alta meno recenti. Scopriamo insieme cosa offre oggi il mercato cinese!

I migliori smartphone cinesi tra 200 e 300 euro! [Ottobre 2016]

Partiamo subito con i dispositivi dotati di display con diagonale prossima ai 5 pollici.

Xiaomi Mi 4s

Tra i dispositivi di diagonale minore troviamo il Xiaomi Mi 4s, un device simile al Mi 4c con un design rivisto ed un sensore per la lettura delle impronte digitali.

Sotto l’elegante scocca, dunque, troviamo un processore hexa-core Snapdragon 808, un display IPS Full HD da 5 pollici ed una batteria da 3260 mAh. Presente, poi, un sistema operativo basato sull'ultima MIUI 8 con base Android 6.0 Marshmallow. Il comparto fotografico, invece, punta su un sensore da 13 mega-pixel con PDAF, doppio Flash LED ed una soluzione anteriore da 5 mega-pixel.

Xiaomi Mi 4s è disponibile nella variante con 3 GB di RAM e 64 GB a poco più di 280 euro con spedizione dalla Cina o su TopResellerStore a 287 Euro (codice GIZCHINA).

Nubia Z11 Mini

In casa Nubia troviamo lo Z11 Mini, smartphone interessante ed elegante. La scocca in metallo di Nubia Z11 Mini, infatti, nasconde un SoC Snapdragon 617, 3 GB di RAM e 64 GB di memoria interna espandibile via micro SD.

Il display è, poi, un 5 pollici Full HD, mentre il comparto fotografico è basato su un sensore posteriore Sony IMX298 da 16 mega-pixel con messa a fuoco PDAF e su uno frontale da 8 mega-pixel. Non manca, infine, il supporto LTE dual SIM, il lettore per le impronte digitali, una batteria da 2800 mAh e il sistema operativo Android 5.1.1 con interfaccia NubiaUI 3.9.

Nubia Z11 Mini è disponibile a 249 euro dall’Italia su NubiaMobile.

Xiaomi Mi 5

Sempre sotto i 300 euro, per il taglio da 32GB, troviamo lo Xiaomi Mi 5, un vero e proprio best seller.

Il device vanta un’ottima scheda tecnica, che conta sullo Snapdragon 820, 3 GB di RAM, un display IPS Full HD da 5.15 pollici ed un sensore frontale di impronte digitali. Non manca una batteria da 3000 mAh con Quick Charge 3.0.

Il comparto fotografico si basa poi su due fotocamere da 4 mega-pixel e da 16 mega-pixel con OIS, autofocus PDAF e flash LED dual tone. Sul fronte della connettività, non manca una porta USB Type-C, il supporto al dual SIM LTE, NFC Wi-Fi dual band. Il sistema operativo è naturalmente Android 6.0 Marshmallow con interfaccia MIUI 7.3.

Xiaomi Mi 5 è disponibile nella variante con 3 GB di RAM e 32 GB di memoria interna a soli 260 euro su GearBest.

Per quanto riguarda il modello con 3 GB di RAM e 64 GB di storage, invece, i prezzi salgono oltre la fascia di prezzo di questa categoria.

ZUK Z2

Uno dei migliori device da 5 pollici in questa fascia di prezzo è forse lo ZUK Z2, un dispositivo caratterizzato da un ottimo hardware e da una batteria superiore alla media, in grado di garantire una giornata piena con un uso assai intensivo.

Il dispositivo monta un processore Qualcomm Snapdragon 8204 GB di RAM64 GB di memoria interna ed un display da 5 pollici Full HD IPS. Presente poi il tasto U-touch con lettore di impronte integrato, una batteria da ben 3500 mAh, scocca metallica e una fotocamera posteriore da 13 mega-pixel con EIS. Infine, troviamo Android 6.0 Marshmallow con l'interfaccia ZUI ed una fotocamera anteriore da 8 mega-pixel.

Lo ZUK Z2 è da poco reperibile sotto i 300 euro, più precisamente a soli 224 euro presso Gearbest. A breve dovrebbe anche essere reperibile la variante RIO, con meno RAM e memoria ma stesso hardware a poco più di 200 euro.

Huawei P9 Lite

Tra i prodotti proposti troviamo il Huawei P9 Lite, facilmente reperibile a 240/250 euro su Amazon. Ecco una breve lista delle specifiche di questo Smartphone:

  • Display da 5.2 pollici di diagonale IPS con risoluzione Full HD 1920 x 1080 pixel;
  • processore octa-core HiSilicon Kirin 650;
  • 3 GB di RAM;
  • fotocamera posteriore da 13 mega-pixel ed anteriore da 8 mega-pixel;
  • 16 GB di memoria interna;
  • batteria da 3000 mAh.
  • Android 6.0 Marshmallow con EMUI 4.0.

Huawei P9 Lite

Davvero un buon mid-range, visto anche il prezzo destinato a calare rapidamente.

Meizu M3 Note – 32 GB

Abbiamo già inserito l’M3 Note nel taglio da 16 GB nella classifica dei migliori smartphone cinesi economici ma, vista la bontà del prodotto e la disponibilità ufficiale sul mercato italiano, inseriamo anche quella con 32 GB di storage e 3 GB di RAM in questa selezione.

Il device, lo ricordiamo, monta un pannello da 5.5 pollici Full HD ed un SoC MediaTek MT6755 Helio P10, composto da un processore octa-core Cortex A53 a 1.8 GHz, da una GPU Mali T860MP2 e da un modem LTE cat. 6. Presente, poi, un tasto mBack frontale con tecnologia mTouch 2.1 per la lettura delle impronte digitali ed una batteria da 4100 mAh. Come su tutti i Meizu, ritroviamo l’interfaccia proprietaria Flyme 5 basata su Android 5.1 Lollipop. Infine, il comparto fotografico può contare su una fotocamera anteriore da 5 mega-pixel ed una posteriore da 13 mega-pixel.

Meizu M3 Note da 32 GB è disponibile su TopResellerStore a 239 Euro con firmware internazionale e garanzia legale di 24 mesi.

Xiaomi Redmi Pro

Tra le novità del mese troviamo lo Xiaomi Redmi Pro, un device caratterizzato da un ottimo hardware ad un prezzo interessante, visto che si parte da 232 euro per la variante base.

Ecco le specifiche tecniche dello Xiaomi Redmi Pro:

  • Display OLED da 5.5 pollici di diagonale con risoluzione Full HD 1920 x 1080 pixel, 401 PPI e vetro curvo 2.5D;
  • dimensioni di 151.5 x 76.2 x 8.15 mm per 174 grammi;
  • processore deca-core MediaTek Helio X20 o X25 con architettura a 64 bit ARMv8-A: 2 x 2.1/2.3 GHz A72 + 4 x 2.0 GHz A53 + 4 x 1.4 GHz A53;
  • GPU ARM Mali-T880 MP4 da 700/780/850 MHz;
  • 3/4 GB di RAM LPDDR3 dual channel;
  • 32/64/128 GB di memoria interna espandibile tramite micro SD;
  • lettore d’impronte digitali frontale;
  • doppia fotocamera posteriore Sony IMX258 + Samsung da 13 + 5 mega-pixelcon apertura f/2.0, tecnologia imagiQ e doppio flash LED dual tone;
  • fotocamera anteriore da 5 mega-pixel con apertura f/2.0;
  • supporto dual SIM 4G LTE Cat.6;
  • Wi-Fi 802.11 b/g/n, Bluetooth 4.2, USB Type-C, GPS/A-GPS/GLONASS;
  • batteria da 4050 mAh con ricarica rapida;
  • sistema operativo Android 6.0 Marshmallow con interfaccia MIUI 8.

xiaomi redmi pro hands on unboxing

LeEco Le Max 2

Sempre in casa LeEco troviamo un interessantissimo device, ovvero il LeEco Le Max 2, caratterizzato da un processore Qualcomm Snapdragon 820, 4GB di RAM, 32GB di storage interno, un display da 5.7 pollici Quad HD ed una batteria da 3100 mAh, ai quali si aggiungono le due fotocamere da 21 ed 8 mega-pixel. Il tutto racchiuso in un’elegante scocca metallica ad un prezzo di  224 euro presso GearBest.

Xiaomi Mi Max

In casa Xiaomi, troviamo un altro device di grandi dimensioni, ovvero lo Xiaomi Mi Max, un super phablet da 6.44 pollici Full HD, basato su un processore Qualcomm Snapdragon 650, 3 GB di RAM, 32 GB di memoria interna (disponibili anche i tagli da 64 e 128 GB), lettore di impronte, scocca in metallo ed una super batteria da 4850 mAh.

Il prezzo del dispositivo è di poco superiore ai 252 euro su GearBest per il taglio da 64 GB. Se, invece, volete godere di garanzia italiana e spedizione dall'Italia, allora trovate il Mi Max a 235 euro con codice sconto “GIZCHINA” presso TopResellerStore.

Questi sono i migliori smartphone cinesi tra i 200 e i 300 euro per la redazione di GizChina.it. Ci sono altri smartphone interessanti in questa fascia di prezzo? Fateci sapere la vostra opinione nei commenti!

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: tramite la pagina ufficiale Facebook, tramite il nostro canale notizie Telegram Telegram , il nostro gruppo Telegram Telegram

o iscrivendosi alla nostra rivista di Play EdicolaGoogle Play Edicola. Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sul blog. È possibile, inoltre, commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.