Xiaomi: circa 6 milioni di “Redmi” venduti nel Q1 2016

Xiaomi Logo

Lo Xiaomi Mi 5 non è stato disponibile per l'acquisto fin da subito a causa di diversi problemi sulla fornitura delle componenti. Per questo la società ha deciso di istituire un importante strategia per cercare di accontentare tutti i fan del brand.

Lei Jun si è nominato responsabile della catena di fornitura degli smartphone Xiaomi sostituendo Zhou Guangping e sostenendo di risolvere completamente il problema della distribuzione.

Xiaomi Mi3 Snapdragon 800

Xiaomi vende 6 milioni di smartphone circa nel Q1 del 2016

Lin Bin, co-fondatore di Xiaomi, ha dichiarato che lo scorso anno l'azienda ha riscontrato diversi problemi sulla fornitura delle componenti dei suoi dispositivi come ad esempio il metallo, i sensori di impronte digitali e altri elementi importanti che costituiscono un device.

Xiaomi mi 5 prime

Bin ha sottolineato, inoltre, che il Mi 5 ha affrontato una situazione alquanto grave che riguarda la carenza del processore Snapdragon 820 poiché la domanda dello smartphone era di 3 milioni nel primo trimestre di quest'anno, ma Qualcomm non poteva fornire a Xiaomi un numero così elevato di chipset.

Potrebbe interessarvi: MIUI 8 su Xiaomi Mi 5, il focus di GizChinaIT

La società, successivamente, si è imbattuta in un altro imbarazzante problema che riguarda la mancanza di altre componenti essenziali come ad esempio la memoria. Tutti questi fattori hanno contribuito a soddisfare solo il 30% della domanda dello Xiaomi Mi 5 nel Q1 2016.

Xiaomi

Con la sola gamma Redmi, però, Xiaomi è riuscita a vendere circa 6 milioni di unità nel primo trimestre e ciò è sicuramente dovuto all'importante compito svolto da Lei Jun.

Lin Bin, infine, sostiene che lo sviluppo di componenti in-house aiuterà la società ad ottenere dei grandi risultati.

Vi ricordiamo che seguirci è molto semplice: su Telegram attraverso il nuovo gruppo di “GizChina Italia & GizBlog Official Group oppure su Facebook basterà iscriversi al gruppo “GizChina Italia & GizBlog Official Group“.

Qui potrete trovare le varie notizie da noi riportate sui blog, con la possibilità di commentare, condividere e creare spunti di discussione inerenti l’argomento.