CoolPad Bodun, phablet high-end con Snapdragon 801!

coolpad bodun
Photon Ultra

I produttori cinesi ci hanno abituato ad un attività frenetica, con un ricambio generazionale velocissimo e continui annunci di nuovi terminali. Di solito, tuttavia, la maggior parte di questi dispositivi appartiene alla fascia bassa o a quella media, ed integrano spesso un SoC di produzione Mediatek. CoolPad Bodun (già conosciuto con il nome in codice V1-c) è, fortunatamente, una bella eccezione a questa regola.

Questo phablet, infatti, monta uno schermo da 5.98″ Quad HD (2560 x 1440), 3GB di RAM ed è spinto dal SoC Qualcomm Snapdragon 801 operante alla frequenza di 2.5GHz. Decisamente un dispositivo non comune, quindi, che dovrebbe occupare la parte più alta del listino dell'apprezzato brand cinese.

coolpad bodun

CoolPad, d'altra parte, quando ha progettato questo terminale non ha sicuramente lesinato sulle caratteristiche tecniche. Il comparto fotografico, ad esempio, può contare su un sensore frontale da 5 megapixel e su due sensori posteriori da 13 megapixel con doppio flash led!

La ROM da 32GB appare ben bilanciata con il resto delle specifiche, a differenza della batteria, che può contare su una capacità di soli 2500 mAh. I dubbi sull'autonomia di un dispositivo del genere, che monta uno schermo sicuramente energivoro ed un processore che non è tra i più parchi nei consumi, non possono che nascere spontanei.

coolpad bodun

Il comparto connettività, infine, ricalca quello che ci si aspetta da un terminale top di gamma: dual sim, LTE, WiFi, Bluetooth…

La pecca più grande, oltre la scarsa capacità della batterià, è quindi l'estetica che, per quanto piacevole, non è particolarmente originale. Il design del tasto home, ad esempio, ricorda lo stile Meizu, e la ROM Android proprietaria è evidentemente inspirata allo stile MIUI.

Non sappiamo ancora quando questo interessantissimo top di gamma arriverà sul mercato cinese, dove sarà commercializzato da China Telecom, né il prezzo a cui sarà venduto. La compatibilità con le reti LTE italiane, infine, non è assicurata, ma le speranze in merito sono concrete. In ogni caso, vi terremo aggiornati!

[Via]