Xiaomi Power Bank, come evitare l’acquisto dei falsi

Xiaomi Mi Power Bank

Una volta, nemmeno tanto tempo fa, i cloni erano una categoria di prodotti ad appannaggio esclusivo dei dispositivi mainstream occidentali e non, ma non di certo cinesi. Non deve però colpire il fatto che oramai queste repliche abbiano preso di mira anche il mondo hi-tech made in China, vista e considerata la massiccia crescita di questo settore in termini di numeri e notorietà.

Esattamente una settimana fa, lo scorso 24 Agosto, in un report della CCTV (acronimo di China Central Television) sono state qualitativamente esaminate diverse battery-pack acquistabili ad oggi sul mercato, tra cui ovviamente anche la Mi Power Bank di Xiaomi nella versione da 5200 mAh. Visti i commenti non proprio esaltanti proposti dal broadcast cinese, l'azienda di Lei Jun ha subito diramato un comunicato con il quale ha fatto notare che l'unità in esame non era in alcun modo un'unità originale, ma un falso bello (…) e buono. Contro-analisi sul campione e risultato: Xiaomi Power Bank taroccata!

Questione chiusa e problema risolto. Eh no, perché il web è letteralmente pieno di cloni della power bank di Xiaomi. La domanda dunque sorge spontanea: come evitare di acquistare un falso? La risposta ci viene dalla casa stessa, che ha aperto in rete una pagina dedicata per aiutare con semplici accorgimenti gli utenti ad identificare i fake dai prodotti originali.

Xiaomi consiglia, in prima battuta, di utilizzare sempre e comunque canali ufficiali, di fare attenzione alle differenze fisiche (alcune grossolane, altre meno) tra il prodotto originale e quello replica e, per stare sicuri, di utilizzare il servizio di certificazione dell'autenticità del prodotto mediante l'inserimento di un codice speciale apposto dietro la battery-pack.

Xiaomi Power bank

Mi raccomando, comprate Xiaomi ma fatelo acquistando esclusivamente prodotti originali e certificati!

[via]
Honor